Archivio della categoria: history

The Doges of Venice

Doges of Venice

 

 Doges were the heads of the Republic for over a thousand years. The name of the Doge (Dose in the Venetian language ) takes place between the ninth and tenth century.

doges on gondola

doges on gondola

The qualification of the Doge is that of the most serene prince, ranking just below the Pope, the Emperor and King, but superior to all principles of the royal line although in public acts is called “Monsignor the Doge”. Actually he reigns, did not govern.The Doge is the vortex of the constitution of the republic. And the symbol of power and splendor of the Serenissima.

The ceremonies of the Doges of Venice

 Doge FrancescoFoscariBastiani

Doge FrancescoFoscariBastiani

The coronation of the new doge was from a unparalleled vivacity. The newly elected was accompanied by the six great wise men ( -i sapientes- representing the Permanent Council of the Doge). Among the salvos of artillery and sounds of huts he went to the Ducal Palace, then to San Marco, where, ascended the rostrum of marble that was
to the right of the choir showed himself to the people. After the mass, sworn loyalty, and received the banner with the winged lion. Then coated with the ducal mantle was carried by workers of Arsenal, around Piazza San Marco,throwing pieces of silver and gold to the crowd.
Returned to the Palazzo Ducale, from top of the ladder, between the two statues, Neptune and Mars and under the winged lion,took place the solemn ceremony of coronation . During the coronation, the new Doge received the “Zoia”, the ducal cap, from the hands of senior adviser after swearing allegiance to the state laws.

Pietro Orseolo II

Pietro Orseolo II

In ceremonies before him were the sword, the chair of golden fabric and the parasol. At his side are sitting the great captain and his lackeys, the chancellor with his secretaries and behind him are in hierarchical order the members of the Signoria, the Ten, the Municipal Avocati, prosecutors, the Senate.
The dress :
The large purple robe (later brocarto gold) lined and trimmed with ermine ,red shoes of the Byzantine emperors. The gold crown is replaced in the fourteenth century by a headgear called “doge’s horn”. Has its own ship called Bucintoro.
His rights are few: Assign the Patriarch of Venice, the canons of San Marco, and
introduces to the Great Council “proposals” to be discussed with priority.
Is incessantly controlled by his advisers, he is not participating to the deliberations of wise men, to the Senate.
His vote has no more value than anyone senator. In matters of foreign policy, the Doge could not decide peace or war, make treaties, send or receive embassies, without the help of the wise men who formed his council.
He is the servant of his electors and aristocracy . He had no more real power than the right to conduct wartime military operations and command the fleet.
The Doge was the most supervised and the most obedient servant of the Serenissima.

It would be very difficult to remember all the hundred and twenty doges of Venice. Although all are important for the history of Venice, here are some doges of Venice with their characteristics:

The first Doge of Venice was Paulicio Anafesto (697-717).
Peter Tradonico (836 -864) could not read and write, so the documents and edicts were signed with “Signum magnus”

Peter I Candiano (887)

with the shortest charge, six months. He was killed in a reprisal against pirates “Neretva” (actual Croatia).

san marco basilica

san marco basilica

Peter Orsello II (991-1009) – opens the way of the naval market, regaining Bari and Taranto from the hands of the Saracens. The republic was recognized by the Papal State.

Ottone Orselo (1009-1026) was elected doge when he had 15 years old.

Faldero (Ordelaf) Falier Dodoni (1102-1118)

Reconquest Zara and proclaimed king of Hungary and Croatia.

Enrico Dandolo, became Doge of Venice at seventy years (January 1193) when he was already old and blind.Dandolo proved ‘incredible physical and mental strength for his age

. http://www.loccidentale.it/node/53855

Marin Faliero at age 60 years became doge (11 September 1354), and April 17, 1355 was beheaded for having conspired against the Republic.
http://dipoco.altervista.org/doge-venezia-marin-faliero/

Francesco Foscari was one of the most popular but also the most hated Doge in the history of Venice.Passes into history as the longest Dogato 1423 -1457.
http://scrignodeltempo.blogspot.it/2013/01/francesco-foscaridoge-di-venezia.html

Sebastiano Venier, amiraglio, winner of Lepanto (1571) against the Turks, was elected doge age 81.

http://venipedia.it/personalit%C3%A0/dogi/venier-sebastiano

The doges Bertucci (1656-1658 father) and Sylvester (1694-1700-son) Valier.
These had a single vice: gambling, often attending the casino’s Ridotto.
Francesco Corner elected on  May 17, 1656 aged 71, died June 5 of that year. Is the record of the shortest leading in the history of the Venice Republic.

http://www.treccani.it/enciclopedia/francesco-corner_res-45e19bfa-87eb-11dc-8e9d-0016357eee51_(Dizionario-Biografico)/

giovanni e paolo church

giovanni e paolo church

Francesco Loredan (1752-1765) start to get sick in 1755, at seventy. The agony lasted seven years and no means surgical or other devilish known was unable to cure him.

 

In the “Pantheon of the Doges of Venice“,

http://dipoco.altervista.org/venezia-san-giovanni-paolo/
were buried, begining with the year 1200, twenty-five of one hundred and twenty of the Doges of the Republic.
The basilica Saints John and Paul (called San Zanipolo in Venetian dialect) is one of the most impressive religious medieval buildings of Venice.

bucintoro

bucintoro

On the death of the Doge, the eldest of the adviser said:
“With great sorrow we have heard about the death of Serene Prince of so much goodness and mercy.
But we’ll make another. ”
The death was announced to the entire city by the sound twice for nine times of church bells.
The doge was immediately embalmed and wrapped in the mantle of gold, with the doge’s horn on his head,the golden spurs shod with the upside down and the sword of command with the handle towards the legs. On the third day after his death, took place funerals,in a procession attended by thousands of people.
From the church, after the funeral oration, they all leaving in gondola.
The folk did not participate to the funeral of the doge, perhaps because according to an ancient prophecy, the church would have collapsed on the day of a solemn celebration.
Ludovico Manin 1789-1797 last venetian doge.
After his election Pietro Gardenigo said : They proclaimed a Friulian doge. The republic is died. On May 12, 1797, surrounded by the French army, without resistance, the Doge deposed the ducal insignia.
The abdication was made in favor of a Provisional Municipality. On May 16, the treaty was signed for submission to the French republic,led by Napoleon Bonaparte

 

 

other items:  http://dipoco.altervista.org/see-other-items/

 

 

The red blooming rose

On the day of the festival ,of Saint Mark ,in the square that houses the church recline numerous market stalls, selling the famous “bocolo”, the red blooming rose  traditionally given by the Venetians ,a romantic tradition that no Venetian male ever think of not keep,to their beloved women: girlfriends, wives and mothers.

the red blooming rose

the red blooming rose

Obviously at the base of the festival  is a legend, that is lost in the mists of time The LEGEND OF BOCOLO (Blooming rose festival on April 25 in Venice) dates back to the times of the Doge Orso I Partecipazio  (864-829), whose daughter Mary became the female protagonist.  Known for her beauty,his daughter, fell in love with a troubadour (perhaps for the sweetness of his words that can make her laugh and dream), but of humble origin, named Tancredi. In the intent to overcome the social class differences, Tancredi goes to war trying to get a military reputation that makes it worthy of a noblewoman. Tancredi left and soon the news of his glorious deeds spread throughout the Christians territories, until arrived to Venice, which now waiting for the return of the young man as a great hero. Perhaps this was the heroic destiny that Mary dreamed for her beloved.

But he was mortally wounded and fell on a bush of white roses. With the last remaining forces seized a blooming rose,  stained with his blood, and begged his companion,a knight, to give the rose to his beloved at Venice.san marco and  bocolo festival

Mary receives the rose on 24 April .Closed in her grief, the young woman retired to his room and the next morning was found dead in her bed, with the bloody rose  on her heart.

Due to this story ,and an other ,the festival of Saint Mark is called also the festival of blooming rose.

If it is true or not, if is an imported tradition, as many traditions that have born who knows were ,and then were imported, is not very important. Beyond the symbol, important is the beauty, and the love,of this Venetian custom .

other items:  http://dipoco.altervista.org/see-other-items/

Venice -Carmagnola’s head

The Carmagnola’s head, is assimilated to a red porphyry head placed in the loggia
of the basilica of San Marco, stuck on the pillar in the southwest corner of the balustrade.

francesco bussone -carmagnola

francesco bussone -carmagnola

Francesco Bussone, called Carmagnola, was a captain of the Serenissima Republic. Found guilty of treason and alliance with the enemy,  was beheaded in 1432. The charge is unjust for this captain who has dedicated its military capabilities to Venice. But his head must to be exposed to the folk according to the custom, triggering, in the popular imagination a legend remained alive for long time.

In fact the head in porphyry is comming from the sacking of Constantinople during the Fourth Crusade in 1204. Regarding the apartenence of the head are various proposals. The most accepted theory today is that it is from a statue of Justinian I, last emperor of the Eastern Roman Empire that reigns 527-565.

carmagnola

carmagnola’s head

Born in Carmagnola (Turin province), from a poor peasant family, Brussone Francis, one of the greatest soldiers of the fourteenth century, was the protagonist of one of the most mysterious betrayal of the history of Venice. He chose the nom de guerre “Carmagnola”, the name of his country of birth .The emblem of its name were three lambs who remember his humble origins.

testa di carmagnola

carmagnola’s head ,s. polo church

Actually receives the title of Count,but not of Carmagnola region as suggested Alessandro Manzoni in his tragedy -the Count of Carmagnola-1816.

He began his career in Pavia in 1411, fighting for Visconti family. He manages to defeat their enemies , gaining the feud of Castelnuovo Scrivia, the title of Count and the hand of Antonia Visconti.From that moment Carmagnola removed from this noble shield the three lambs and replaced them with the snake and the imperial eagle and the title of Vicecomes. Under the jealousy and criticism of his rivals,the relations with Filippo Maria Visconti becoming worse. The Duke entrusting him governorship in Genoa, recently recaptured, an exile of fact. For Carmagnola was an evident sign of distrust and loss of power.Breaking the relationship with the Duke, Carmangola goes with few faithful solders in Savoy.But Amadeus VIII refuse to accept him.

Isolated, betrayed and dispossessed of his assets, Carmagnola pointed on Venice. Serenissima hired him; named him “Captain General of the coalition Venetian-Tuscan” and quartered in Treviso .Here, the Duke of Milan try to kill him by poisoning but without success, because the attack was discovered.

-esecuzione.di carmagnola-ilustrazione  ottocentesca

execution of carmagnola

Francesco turn back to fight against Visconti, making alliance with Florence, Ferrara, Mantua and Monteferrato.At Malcodio (October 12, 1427) Visconti was forced to surrender .Sforza try a last stand but was wounded and forced to take refuge in Soncino. Carmagnola not chase him . Venetian army made many prisoners on the battlefield.

Amoung them was Carlo Malatesta,lord of Rimini, Fano, Cesena and Fossombrone. .
Carmagnola received after the fight, a palace on the Grand Canal and the lordship of Castenedolo in Brescia.After the peace ,signed with the curse of the Pope, the Venetians, dissatisfied, found guilty Carmagnola for not chaseing Sforza’s army, suspecting the intention to betraying in favor of Francesco Sforza.In early January 1429, justifying the recovery of his family members, the Count asked the release of his contract for one year. The Senate did not believe him and the 10th of the month rejected the request, hiring him again with a thousand ducats a month for other two years.

La cattura del conte di Carmagnola

The capture of Carmagnola

During the siege of the castle of Sconcio , Carmagnola falls into an ambush, losing more than six hundred horses. Then he was accused of non loyalty when he was not able to succor Nicolo Trevisan, and then Cavalcabo -who fought against the Milanese and were defeated by the lack of support. With a ploy Carmagnola was called to Venice , arrested and tortured in Palazzo Ducale. It is said that Carmagnola confessed his betrayal under the torture. On May 5, he was led into the square .At the presence of his wife and four daughters, with a gag in his mouth was beheaded.

il leone  in lotta.con il serpente

the lion and the snake

On the portal of the bell tower of the church of San Polo are two statues: the one on the right, is a lion showing a decapitated head .Some say that it is of Marin Faliero, http://dipoco.altervista.org/the-council-of-ten-in-venicefornarettos-story/ , but others say that it is the head of the Count of Carmagnola. That is proven by the lion on the left,symbol of Venice, clinging in mortal combat with a snake, a symbol of the Visconti and Bussone .

 

——————————————————————————————————————–Have you ever wondered how much can be for you a good monthly income? What will you do with this extra income? Are you interested to have more free time for yourself, and to be together with your family?   Read more …….

http://ipaddy.altervista.org/additional-income-current-income/

San Lazzaretto nuovo- Venezia

san lazzaretto nuovo

san lazzaretto nuovo

La parola Lazzaretto nasce a Venezia,nel 1348,quando iniziano ad essere isolati i ammalati  di peste, nell ‘ isola che si chiamava Santa Maria di Nazareth ,l’attuale Lazzaretto vecchio.La parola Nazareth si trasformo in Nazaretum e poi soprapponendo il nome del protettore dei appestati san Lazzaro,si forma una sola parola: Lazzaretto.Il nome si diffuse poi per indicare tutti i ospedali di malattie infettive.
L’assenza di fognature ,abbandono di rifiuti direttamente in strada,la scarsa igiene personale, furono le cause propizi per diffusione di malattie.Non era chiara l’origine delle malattie e non si aveva idee di come si curano.I rimedi erano nella maggior parte non sanitari:preghiere, penitenze,quarantene,e ricerca di capri espiatori.(Si pensava che i portatori di malattie erano i ebrei e le streghe possedute dai demoni).

Molto vicino alla costa del Lido di Venezia d’avanti al isola di Sant’ Erasmo,San Lazzaretto nuovo inizialmente era un posto isolato con una vigna ,una chiesa e un lungo muro e si chiamava “l’isola della vigna murata”. Di proprietà dei monaci Benedettini,diventa un posto “di contumacia”,cioè di isolamento in quarantena,per quelli che erano sospetti di essere ammalati,prima di entrare nella vita sociale.
I pesuposti contagiati che partivano dai porti dove si sapeva che c’era la peste , e quelli
privi di certifcati medici,erano potrati qui dai guardiani che avevano una bandiera gialla
chiamata “di contumacia “.Da quest’isola dopo un attenta esaminare ,quelli ammalati andavano al ospedale di Lazzaretto vecchio,il posto di ricovero .Qui tornavano anche le persone guarite dal Lazzaretto Vecchio.

Durante la peste 1575-1577 qui furono ospitati dieci mila persone e tre mila navi.Delle volte le migliaia di persone arrivate erano “alloggiate ” sui canali ,nei barconi.Su un nave era stata issata una forca per giustiziare i trasgressori delle ordinanze igieniche e sanitari.Era vietata la vendita di alimentari ritenuti pericolosi.

Al Lazzaretto nuovo la gente fumava pipe , per far passare il tempo ,ma anche perché si credeva che il fumo protegge dal contagio.Per purificare l’aria si bruciava legno di ginepro. Da queste credenze deriva la maschera del dottore della peste con un becco pieno di erbe aromatiche.

La maschera del dottor peste

 http://dipoco.altervista.org/venezia-carnevale-le-maschere/

san lazzaretto nuovo venezia

san lazzaretto nuovo venezia

Anche le loro merci venivano mese in quarantena,nei appositi depositi.
Qui venivano decontaminate.I tessuti di cottone ,pelle ,lana si disinfestavano in un aria piena di fumi aromatizzati con erbe di ginepro, rosmarino,e poi tenuti al aria aperta più volte al giorno.Le spugne e le cere erano  immerse in acqua salata della laguna,le tele erano bollite e le piume erano cosparse di cera.Grazie a queste misure di quarantena la peste scompare a Venezia con un secolo di anticipo rispetto ai altri paesi .

Verso la fine del 700 l’ospizio viene spostato sul isola Lazzaretto nuovissimo vicino a Malamocco.Sotto Napoleone l’isola viene trasformata in bastione ,per la difesa della  laguna, poi trasformata in polveriera dal esercito italiano.Dal 1966 cade in abandono.
Nel 2004 sono iniziati i lavori di recupero ,e di bonifica per l’allestimento del “museo della città di Venezia” .

Oggi e meta turistica di tanti viaggiatori.

http://www.turismovenezia.it/Venezia/Isola-del-Lazzaretto-Nuovo-6361.html

I papi veneziani

I papi veneziani ,nati a Venezia o Patriarchi di Venezia, sono stati quattro.

mitra dei Papi

mitra dei Papi

Al inizio ,vescovo di Roma ,appartenente alla chiesa Bisantina,il Papa,diventa più potente con il passare del tempo.

Arriva a poter escludere dalla comunità dei cristiani chiunque,con un provvedimento chiamato “scomunica”.I sudditi non potevano più ubbidire ad un re o un signore scomunicato,che poi rischiava di perdere la sua autorità e il suo potere.

Il Papa poteva proibire ad alcuni di partecipare alla mesa,o altri riti religiosi,o di ricevere sacramenti . Questo provvedimento meno grave della scomunica era chiamato “interdetto”. Cosi il papa poteva costringere imperatori ,re ,feudatari,ad ubbidire e a riconoscere il suo enorme potere non solo come capo della chiesa ma anche come capo dei cristiani.

Il patriarca di Costantinopoli pero non riconosceva l’autorità del Papa.Dopo una serie di polemiche la chiesa d’oriente detta la chiesa greca si stacco da quella cattolica dandosi il nome di Chiesa Ortodossa (scisma d’oriente 1054).

insegne del Papa

insegne del Papa

La Serenissima è sempre stata una repubblica laica, legata alla religione, ma molto meno al papato. Non si è mai fatta condizionare dal papato , anche nei tempi più oscuri dell’Inquisizione.Nel 1606 la Repubblica stessa venne scomunicata dal Papa.

La dimensione della fede ,tra i veneziani religiosi o laici si può vedere nel numero impressionante di capitelli,cioè le edicole sacre che riempiono ogni strada,ma sopra tutto per l’importante contributo offerto alla cristianità ,fatto di martiri,santi,beati e papi, da San Sagredo ,a San Lorenzo Giustiniani,o papi come Pio X e Giovani Paolo I.

Pio X (Papa dal 09/08/1903 al 20/08/1914) Giuseppe Melchiorre Sarto nacque a Riese (Treviso), oggi Riese Pio X, il 2 giugno 1835,  figlio di Giovanni Battista Sarto e Margherita Sanson.

Pio X

Papa Pio X

Vescovo di Mantova (1884) e patriarca di Venezia (1893), sale alla cattedra di Pietro con il nome di Pio X. A Venezia amò tutti ed era amato da tutti,aveva in realtà notevoli doti e non era affatto sprovvisto di cultura, leggeva numerose opere, parlava e leggeva il francese, possedeva un gusto artistico e protesse i tesori d’arte della Chiesa.

Il 20 luglio 1903 ad oltre 93 anni, morì papa Leone XIII, che aveva governato la Chiesa oltre 25 anni. Il cardinale Sarto ,patriarca di Venezia partì a Roma. Non tornò più a Venezia perché eletto papa.

Aveva 68 anni quando salì al Soglio Pontificio instaurando una linea di condotta per certi versi di continuità, specie in campo politico, ma anche di rottura con certi schemi ormai consolidati, ad esempio, sebbene di umili origini egli rifiutò sempre di elargire benefici alla famiglia, come critica verso certi nepotismi e favoritismi , fino allora praticati. È il primo Papa dell’età contemporanea a provenire dal ceto contadino e popolare. È uno dei primi pontefici ad aver percorso tutte le tappe del ministero pastorale, da cappellano a Papa.

Il pontefice morì nella notte tra il 20 e il 21 agosto 1914. Il suo successore, papa Giovanni XXIII, autorizzò il ritorno dell’urna con il corpo dell’ormai santo Pio X, che avvenne trionfalmente il 12 aprile 1959; l’urna esposta nella Basilica di San Marco, rimase a Venezia per un mese fino al 10 maggio, a ricevere il saluto e la venerazione dei suoi veneziani.

http://www.museosanpiox.it/sanpiox/pio_x1.html

Il corpo tornò a Roma e fu sepolto nelle Grotte Vaticane. Fu beatificato il 3 giugno 1951 , da papa Pio XII,e proclamato santo il 29 maggio 1954.

Papa Alessandro VIII (papa da 06 /10 1689 a 01/02/ 1691)

papa alessandro VIII

papa alessandro VIII

Pietro Vito Ottoboni nacque a Venezia ,il 22 aprile 1610, da una nobile famiglia veneziana: il padre, Marco Ottoboni,era cancelliere della Serenissima.

Il giovane passò l’infanzia nella campagna trevigiana, presso la villa di famiglia a Rustignè, attuale frazione di Oderzo ( Vittorio Veneto). Si laureò in “utroque iure” (ovvero in diritto civile e canonico) all’Università di Padova a 17 anni.

Il 13 novembre 1643 fu nominato da Urbano VIII uditore della Sacra Rota.Nove anni dopo fu nominato vescovo di Torcello, nella laguna veneziana; successivamente, nel 19 febbraio 1652, creato cardinale (Presbitero) di San Salvatore di Buscia .Poi, il 7 dicembre 1654, a vescovo di Brescia,che governò per 10 anni.

Il pontificato di Papa Innocenzo XI,  si  trovava in perenne conflitto con il re di Francia Luigi XIV a tal punto che gli trasformato la residenza a Roma in una fortezza. Anche la posizione dell’Ortoboni fu decisa: assoluta opposizione al tentativo di Luigi XIV di estendere il diritto di regalia su tutte le Chiese di Francia.

L’ambasciatore di Luigi XIV riuscì a ottenere, il 6 ottobre 1689, l’elezione di Ottoboni, considerato più vicino al sovrano francese, come successore di papa Innocenzo XI . L’Ottoboni si prestò abilmente al gioco, mostrandosi, pur senza fare alcuna specifica promessa, molto conciliante e ben disposto verso Luigi XIV.

E necessario sottolineare lo sforzò durante il breve corso del suo pontificato di salvaguardare le posizioni di Roma in Francia, senza arrivare a una rottura con Luigi XIV. “Luigi XIV rinunciò spontaneamente alle immunità dell’ambasciata francese in Roma, la cui difesa a oltranza aveva portato poco prima all’interruzione delle relazioni diplomatiche, e procedette alla restituzione di Avignone e del Contado Venassino occupati al tempo della rottura con Innocenzo XI. Il nuovo Papa ,replicò al gesto conciliante di Luigi con l’elevazione alla porpora di un uomo di stretta fiducia del re, il vescovo di Beauvais, Forbin-Janson”.

Nel 1678 Ortoboni si era opposto tenacemente e con successo a un tentativo di Innocenzo XI di emanare una bolla contro il nepotismo,infatti il pontificato di Alessandro VIII vide una rigogliosa rinascita del nepotismo.

Ordinò importanti sgravi fiscali, liberalizzò il commercio dei grani, abolì la gabella della carne e quella del grano macinato in Roma, provvide alla salute dei cittadini e al decoro di Roma con alcune ordinanze sulla peste e sulla pulizia delle strade.

Nel 1690 condannò le dottrine del cosiddetto peccato filosofico, insegnato nelle scuole dei Gesuiti. Alessandro VIII morì il 1º febbraio 1691. La sua sontuosa tomba è ospitata Basilica vaticana.

Giovanni XXIII (28/10/1958-03/06/1963)

giovanni XXIII

giovanni XXIII

Angelo Giuseppe Roncali nacque a Sotto il Monte, in provincia di Bergamo, il 25 novembre 1881, figlio di Marianna Mazzola e di Giovanni Battista Roncalli. Termina nel luglio del 1900 il secondo anno di teologia,e fu inviato il gennaio successivo a Roma presso il seminario romano dell’Apollinare, dove esistevano alcune borse di studio . Il 13 luglio 1904, alla età di ventidue anni e mezzo, conseguì il dottorato in teologia. Lo studio della storia gli consentì l’elaborazione di alcuni studi di storia locale, tra cui la pubblicazione degli Atti della Visita Apostolica di s. Carlo a Bergamo (1575).Fu anche direttore del periodico diocesano “La Vita Diocesana” e dal 1910 assistente dell’Unione Donne Cattoliche.

Lo scoppio della guerra nel 1915 lo trova per come cappellano col grado di sergente nell’assistenza ai feriti ricoverati negli ospedali militari di Bergamo. Nel luglio del 1918 accettò di prestare servizio ai soldati affetti da tubercolosi, rischiando la vita per il pericolo di contagio.

Dopo l’ordinazione episcopale avvenuta a Roma il 19 marzo 1925, partì per la Bulgaria con il compito di provvedere ai bisogni della piccola comunità cattolica. Il 27 novembre 1934 fu nominato Delegato Apostolico in Turchia ed in Grecia, paesi senza relazioni diplomatiche con il Vaticano.

Inaspettatamente, per decisione personale di Pio XII, fu promosso alla prestigiosa Nunziatura di Parigi, dove giunse il 30 dicembre 1944. Le sue doti umane lo imposero alla stima dell’ambiente diplomatico e politico parigino, dove instaurò rapporti di cordiale amicizia con alcuni massimi esponenti del governo francese.

Accettò la proposta di trasferimento alla sede di Venezia ,dopo la morte del patriarca ,monsignor Agostini , il 5 marzo 1953.Inizio il progetto di riavvicinare i fedeli alla Sacra Scrittura, rifacendosi alla figura del proto-patriarca s. Lorenzo Giustiniani, solennemente commemorato nel corso del 1956.

Il 28 ottobre 1958, fu eletto uno dei più grandi papa della chiesa cattolica,il settantasettenne Cardinale Roncalli , successore di Pio XII ,con il nome di Papa Giovanni XXIII. Il più grande contributo alla Chiesa è rappresentato senza dubbio dal Concilio Vaticano II, il cui annuncio fu dato nella basilica di s. Paolo il 25 aprile 1959 :di riesporre la dottrina tradizionale in modo più adatto alla sensibilità moderna.Nella prospettiva di un aggiornamento riguardante tutta la vita della Chiesa, Giovanni XXIII invitava a privilegiare la misericordia e il dialogo con il mondo piuttosto che la condanna .

Nella primavera del 1963 fu insignito del Premio “Balzan” per la pace a testimonianza del suo impegno a favore della pace con la pubblicazione delle Encicliche Mater et Magistra (1961) e Pacem in terris (1963) e del suo decisivo intervento in occasione della grave crisi di Cuba nell’autunno del 1962. Nella sera del 3 giugno 1963 giunge la notizia della sua scomparsa.Santificato il 27 /04/2014.

Papa Giovani Paolo I (1978)

Giovanni-Paolo I

Giovanni-Paolo I

Albino Luciani,nato il 17 ottobre 1912 ,in un piccolo paese di montagna ,vicino a Belluna ;Forno di Canale (divenuto nel 1964 Canale d’Agordo).Figlio di Giovanni e Bortola Tancon Albino fu il primo papa di cui le origini operaie sono certe: durante l’infanzia egli lavorò insieme al padre come soffiatore del vetro a Murano.

Trascorre lunghi periodi lavorando in Francia, Germania,Svizzera ,per “la povertà di risorse della montagna Bellunese”. Nel 1932 entro nel Seminario minore di Feltre ,e nel luglio 1935 e ordinato Sacerdote.

Dopo il dottorato nel Università Gregoriana ,diviene vicedirettore del seminario di Belluno. Nominato vescovo di Vittorio Veneto,diviene nel 1969 patriarca di Venezia per desiderio della chiesa locale. Sotto il profilo teologico dimostra una posizione vicino al conservatorismo e intolleranza verso ogni eccesso di lusso,invitando  al ritorno alla povertà,e alla vendita delle ricchezze della chiesa in beneficio dei poveri.

Anche se in gioventù aveva orientamenti comuniste ,nel 1975 dichiara “il comunismo incompatibile con cristianesimo”. Fu il primo papa ad adottare il doppio nome, omaggio ai suoi due predecessori. Fu scelto papa come soluzione di compromesso tra opposti schieramenti (tra America e Russia),come sostengono alcuni perché era un papa docile,facilmente influenzabile ,con impegno e moralità. A 66 anni muore improvvisamente .  Erano passati appena 32 giorni della sua nomina .

 

 Visita il mio sito:  http://ginocosta.altervista.org/blog/reddito-extra/

The two columns of St. Mark’s Square

Ottieni i Percorsi

The two columns of St. Mark’s Square

the two columns-St Marco Square

the two columns-St Marco Square

The two columns of the Piazzetta San Marco, with the statues of St. Theodore and the lion of St. Mark, had to be originally three, but the third column was lost with the ship during the landing.
After have been discharged the two columns remain horizontal for over a century. Nobody find a way to raise them vertically.
Thanks to the ingenuity of Nikolaus Stratonio, a builder of Bergamo, the two columns find the right location.
Nicholas was already known as the creator of elevator counterweight, with which it was possible to build the bell tower of San Marco, and as a builder of the bridge “della Moneta” ,the first version of the Rialto Bridge, (the name of the old bridge of the Coin “della Moneta” derive from the old building in which were minted the coins of the Republic,situated at the eastern end of the bridge).

http://dipoco.altervista.org/venezia-camerlenghi-palace/

http://www.venice-tourism.com/en/Venice-Tourism/Sestiere-di-San-Polo/Camerlenghi-Palace.html

The method used was called “water on the ropes” ,and used the particularity of the strings of hemp that, when wet, increase in diameter and decrease in length.

With the basics of the columns fixed, he tied the peak with the ropes.The ropes ,passing along the column , were fixed then to the ground at a distant point .
Wet the ropes, these are shortened enough to raise a few inches the columns, and to put shims under it.

It is said that the Government of the Serenissima decided to reward Nicholas, giving him the only license for games of chance. He could manage a gambling den for the game of dice, until then strictly prohibited throughout the city.Montferrand raising column

But this concession has a clause .From that moment Stratonio Nicholas becomes Nicholas Barattiere ( Barattiere -the man who practice or keep a place of barratry).

http://dipoco.altervista.org/gambling-venice/

The place where they could exercise these games was , between the two columns of St.Mark’s Square, because in that place very often was erected the scaffold for executions .The two columns was shunned by the citizens,so the flow of customers was very low.
In the memory of the origin of the name on the family blazon,the Barattieri have three dice.

 

other items:http://dipoco.altervista.org/articles/

visit my website : http://ginocosta.altervista.org/you-can-do-it.html

On facebook : https://www.facebook.com/pages/Venezia/630678023668582?ref=profile

I dogi di Venezia

I Dogi furono i capi della Repubblica per oltre mille anni.La denominazione di Doge (Dose in lingua venetica ) avviene fra IX e X secolo.

La qualifica del Doge e quella del serenissimo principe ,di rango appena inferiore al Papa ,al imperatore e ai re ,ma superiore ai tutti principi di stirpe reale anche se nei atti pubblici viene chiamato “monsignor il Doge” .Di fatto regna non governa .
Il Doge e il vortice della costituzione della repubblica.E il simbolo della potenza e di
fasto della Serenissima.

il doge  (regata storica)

il doge (regata storica)

Le cerimonie dei Dogi di Venezia

La cerimonia d’incoronazione del nuovo doge era di una vivacità impareggiabile .Il neoeletto era accompagnato da sei grandi savii  (o savi -i sapientes- rappresentando il Consiglio permanente del doge) .Fra le salve di artiglieria e suoni di capanne si recava al Palazzo ducale ,poi a San Marco,dove,salito sulla tribuna di marmo che si trovava a destra del coro si mostrava al popolo.Dopo la messa ,prestava giuramento di fedeltà ,e riceveva lo stendardo con il leone alato.Poi rivestito del manto ducale era portato dai operai del Arsenale ,intorno a piazza San Marco ,gettando alla folla le monete d’argento e d’oro.
Ritornato al Palazzo Ducale ,dal’alto in cima alla scala, fra le due statue ,Nettuno e Marte
,sotto il leone andante si svolgeva la cerimonia solenne dell incoronazione ducale.Durante
l’incoronazione il nuovo Doge riceveva la “Zoia “,il berretto ducale,dalle mani del più anziano consigliere dopo aver giurato fedeltà alé leggi dello stato.

bucintoro,la nave dei dogi

bucintoro,la nave dei dogi

Nelle cerimonie d’avanti a Lui vengono recati la spada ,la sedia di stoffa dorata e il parasole. Al suo fianco incedono il gran capitano e i suoi staffieri ,poi il gran cancelliere con i suoi segretari e dietro di lui vengono in ordine gerarchico i membri della Signoria,i Dieci,gli Avocati Comunali,i Procuratori,il Senato.
Il vestito :

il gran mantello di porpora (più tardi di brocarto d’oro ) foderato e bordato d’ermellino
le calzature rosse degli imperatori bizantini.La corona d’oro viene sostituita nel XIV secolo
dal copricapo chiamato corno ducale.Ha la propria nave chiamata Bucintoro.

palazzo ducale

palazzo ducale

I suoi diritti sono pochi.Nomina il patriarca di Venezia, il primiziere e i canonici di San Marco ,e introduce al Maggior Consiglio delle proposte che devono essere discusse con priorità assoluta.
E controllato incessantemente dai suoi consiglieri ,non partecipa alé deliberazioni dei savii ,al Senato .Il suo voto non ha più valore di chiunque altro senatore.In materie di politica estera il Doge non poteva decidere ne la pace ne la guerra ,concludere trattati ,inviare o ricevere ambasciate ,senza il concorso dei savii che formavano il suo consiglio.E l’eletto dell’aristocrazia ed e il suo servitore.Non aveva altro potere reale che il diritto di condurre in tempo di guerra le operazioni militari e di comandare la flotta.
Il Doge era il più sorvegliato e il più obbediente dei servitori della Serenissima.

 

Sarebbe molto difficile ricordare tutti i centoventi Dogi di Venezia. Anche se tutti sono importanti per la storia di Venezia,eco alcuni dogi di Venezia con le loro caratteristiche:

Il primo doge di Venezia fu Paulicio Anafesto (697-717).

Pietro Tradonico (836 -864) non sapeva leggere e scrivere ,pertanto gli documenti e gli editti venivano firmati con “signum magnus”
Pietro I Candiano (887),con la più breve carica ,sei mesi.Fu ucciso durante una rappresaglia contro i pirati “narentani”.

Pietro Orseolo II

Pietro Orseolo II

Pietro Orsello II (991-1009)-apre la strada del mercato navale,riconquista Bari e Taranto dalle mani dei pirati saraceni.La repubblica fu riconosciuta dal stato pontifico.
Ottone Orselo (1009-1026) fu eletto doge a 15 anni.

Faldero (Ordelaf) Falier Dodoni (1102-1118) -Riconquista Zara e si proclamo re di Ungheria e di Croazia.

Enrico Dandolo, divenne doge di Venezia a settant‘anni ( gennaio 1193) quando era già vecchio e cieco.
Dandolo dimostro’ un’incredibile forza fisica e mentale per la sua età.

http://www.loccidentale.it/node/53855
Marin Faliero all eta di 60 anni diventa doge (11 settembre 1354),e il 17 aprile 1355 fu decapitato per avere congiurato contro la Repubblica.
http://dipoco.altervista.org/doge-venezia-marin-faliero/

il Doge Francesco Foscari

il Doge Francesco Foscari

Francesco Foscari fu uno dei più amati ma anche dei più odiati Doge nella storia di Venezia.Passa nella storia come il Dogato più longevo 1423 -1457.
http://scrignodeltempo.blogspot.it/2013/01/francesco-foscaridoge-di-venezia.html

Sebastiano Venier, amiraglio , vincitore di Lepanto (1571) contro i Turchi, fu eletto doge all’età di 81 anni.

http://venipedia.it/personalit%C3%A0/dogi/venier-sebastiano

I dogi Bertucci (1656-1658 padre) e Silvestro (1694-1700-figlio) Valier .
Questi avevano un unico vizio: il gioco d’azzardo, frequentando spesso la casa da gioco del Ridotto.
Francesco Corner eletto il 17 maggio 1656 a 71 anni, mori il 5 giugno dello stesso anno.E il record del dogato più breve della storia della Repubblica.

http://www.treccani.it/enciclopedia/francesco-corner_res-45e19bfa-87eb-11dc-8e9d-0016357eee51_(Dizionario-Biografico)/

Marino Faliero

Marino Faliero

Francesco Loredan (1752-1765) Inizio ad ammalarsi nel 1755,a settant’anni .L’agonia doro sette anni e nessun mezzo chirurgico o altra diavoleria conosciuta non riusci a curarlo.

 

Nel “Pantheon dei Dogi di Venezia”, http://dipoco.altervista.org/venezia-san-giovanni-paolo/
vi furono sepolti, a partire dal 1200 ,venticinque ,dei centoventicinque dogi della Repubblica .La basilica
dei Santi Giovanni e Paolo (detta San Zanipolo in dialetto veneziano) è uno degli edifici medievali
religiosi più imponenti di Venezia.

Alla morte del doge, il più anziano dei Consiglieri rispondeva:

basilica san Giovanni e Paolo

basilica san Giovanni e Paolo

“Con molto dispiacere avemo sentido la morte del Serenissimo Principe di tanta bontà e pietà; però ne faremo un altro”.
Poi la morte veniva annunciata per tutta la città dal suono doppio per nove volte delle campane delle chiese
Il doge era subito imbalsamato e avvolto nel mantello d’oro, con il corno dogale in testa, gli speroni d’oro calzati alla rovescia e lo stocco del comando con l’impugnatura verso i piedi.I funerali, passati tre giorni dalla morte, si svolgevano in una processione a cui partecipavano migliaia di persone.
Arrivati all’interno della chiesa e terminata l’orazione funebre, tutti si allontanavano in gondola.
Il popolo non partecipava ai funerali dei doge, forse perché secondo un’antica profezia, la chiesa sarebbe dovuto crollare il giorno di una funzione solenne .
Ludovico Manin 1789-1797 ultimo doge veneziano.Pietro Gardenigo ,dopo l’elezione commenta: I ga fato doxe un furlan.La republica xe morta.(Hanno proclamato doge un friulano.La repubblica e morta.) Il 12 maggio 1797,circondato dal esercito francese,senza alcuna resistenza il doge depose le insegne dogali .L’abdicazione avviene a favore di una Municipalità provvisoria .Il 16 maggio fu firmato il trattato di sottomissione alla repubblica francese,guidata da Napoleone Bonaparte.

 

Altri articoli:  http://dipoco.altervista.org/vedi-articoli/

 

 

 

Biennale Venezia

Biennale Venezia

Biennale Venezia

Storia;

La prima Biennale internazionale d’arte di Venezia viene inaugurata,ai giardini di castello ,il 30 aprile 1895.Sono presenti il re Umberto I e la regina Margherita.

Dalla prima esposizione vediamo la partecipazione internazionale dell Belgio,Austria -Ungheria,Danimarca ,Francia ,Germania ,Inghilterra , Norvegia ,Olanda ,Russia ,Spania ,Svezia.

Nelle prime edizioni della Biennale,tutte le opere erano raccolte nel Palazzo del’esposizione , che al inizio si chiamava “Pro Arte “,con la facciata classica progetta dai pittori Marius de Maria ,e Bartolomeo Bezzi. Chiamato in seguito “Italia “il padiglione subi nel tempo ampliamenti e modifiche ,principalmente nella sua facciata .

Poi anche i paesi stranieri iniziarono a costruire il proprio padiglione .Il primo fu Belga (1907) ,poi Ungheria ,Germania,Inghilterra (1909) Francia (1912),Russia (1914).

Il padiglione di Venezia -1932 fu progettato dal architetto Brenno del Giudice,destinatoBiennale Venezia ad accogliere le arti decorative veneziane ,in particolare vetro e merletto. Negli anni settanta la Biennale esce dal “recinto” dei giardini per individuare nuovi spazzi espositivi nel intera città. Per questo motivo sono stati restaurati ed attrezzati nuovi edifici dell’Arsenale – (le Corderie 1980).

Nel 1930 la Biennale organizza il primo festival della musica contemporanea ;

1932 la prima Mostra internazionale dell arte cinematografica ,una delle più importante mostre del settore; 1930 il primo festival del teatro;

1980 prima mostra internazionale di architettura ;

1990 il primo festival della danza. giardini-biennale Dal 1910 iniziano ad essere presentate mostre personali di grande rilievo internazionale come Gustav Klimt (acquistata per il museo Ca Pesaro),Pierre Auguste Renoir, Gustave Colbert ;e mostre dedicate agli artisti impressionisti come :Paul Cesano (1929),Vincent Van Gogh (1920),Amedeo Modigliani (1922),Edgard Degas (1924),August Renoir (1938),Franz Marc (1928),Paul Gauguin (1920),Monet(1932).

Dopoguerra ,la Biennale premete un reale aggiornamento sui movimenti artistici contemporanei con mostre dedicate al impressionismo 1948,Movimento Fauves 1950;ai Cubisti 1950,Futurismo storico 1950,Espressionismo 1952,Scultura contemporanea 1952,Surrealismo 1954,Arta astratta 1954,Pittura Americana 1956. In questi anni si formano correnti e pittori italiani che avranno una grande rilevanza nel panorama artistico nazionale.

Negli anni sessanta la Biennale continua la politica di aggiornamento facendosi promotrice delle nuove correnti artistiche con il movimento Pop Art americano -che ha un grandissimo successo. il padiglioneSeguono gli anni sessanta con le correnti artistiche : Land Art, L’arte Povera ,Body art happening, Videoarte, Fotografia.

Negli anni ottanta e novanta,la Biennale attraversa momenti di crisi e successo,cercando una nuova identità .

Il 23 gennaio 1998 viene approvato il decreto legislativo con cui la Biennale è trasformata in personalità giuridica di diritto privato e assume la denominazione di “Società di Cultura” La Biennale di Venezia.

Gli spazi del Arsenale dedicati alla Biennale si ampliano,comprendendo  le Corderie, Artiglierie, Gaggiandre, alcune Tese Cinquecentesche e le Tese delle Vergini.

2001 -Shakespeare & Shakespeare, un progetto interdisciplinare che vede coinvolti tutti i settori della Biennale in un comune omaggio all’opera shakespeariana.

2002 Temps d’images, dedicato ai rapporti tra spettacolo dal vivo,nuove forme di creatività e media televisivi e cinematografici; il festival ha luogo anche a Bruxelles e Parigi.

Dal 15 giugno al 2 novembre 2003 la mostra registra l’afflusso record di 260.000 visitatori;

La Biennale di Venezia ,  festival del film , Lido

La Biennale di Venezia , festival del film , Lido

Il 15 gennaio 2004 viene pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il decreto di riordino della Biennale, che viene trasformata in Fondazione.

Biennale d’arte di Venezia 2013: i segni di una rivoluzione .Il tentativo è chiaro fin da subito: ridare un valore al immagine.

I specifici pass per più ingressi con diverse formule cumulative , permettono di unire alla visita dei padiglioni anche quella del :

57° Festival Internazionale di Musica Contemporanea,

del 42° Festival Internazionale del Teatro

e della 70° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica (dal 28 agosto al 7 settembre 2013).

La 55 esima edizione della Biennale di Venezia , il più grande palcoscenico del mondo dell’arte internazionale,chiude con oltre 475.000 visitatori.

2014 La 14 esima edizione di Mostra di Architettura della Biennale di Venezia,torna all’antico e sperimenta il futuro.

Calendario 2014 http://www.labiennale.org/it/calendario/

Dal 7 giugno al 23 novembre apre al pubblico Fundamentals, la 14 esima Mostra di Architettura diretta da Rem Koolhaas. 66 i Paesi partecipanti: nei loro padiglioni raccontano come è cambiato il modo di costruire negli ultimi 100 anni http://www.labiennale.org/it/architettura/news/25-01.html?back=true

Heinz Mack-Le collone d'oro

Heinz Mack-Le collone d’oro

Dal 3 giugno al 23 novembre 2014, in concomitanza della Biennale di Architettura, l’installazione dell’artista tedesco Heinz Mack rimarrà esposta sul piazzale dell’isola di San Giorgio Maggiore. Sono ben 850.000 le tessere di mosaico in foglia d’oro realizzate dall’azienda vicentina Trend per rivestire le 9 svettanti colonne, alte oltre 7 metri, dell’installazione dell’artista tedesco Heinz Mack.

Altri articoli:  http://dipoco.altervista.org/vedi-articoli/

 Visita il mio sito:  http://ginocosta.altervista.org/blog/reddito-extra/

Su facebook :  https://www.facebook.com/pages/Venezia/630678023668582?ref=profile

Le due colonne della piazzetta San Marco

le due colonne della piazzetta di san marco

le due colonne della piazzetta di san marco

Le due colonne della piazzetta San Marco,con le statue di San Teodoro ed il leone di San Marco, dovevano essere originariamente tre, ma la terza colonna venne perduta assieme alla nave  durante lo sbarco.
Una volta scaricate le due colonne rimasero in orizzontale per oltre un secolo, non trovandosi il modo di alzarle in verticale.
Grazie all’ingegno di Nicoló Stratonio, costruttore bergamasco,le due colonne poterono trovare la posizione giusta.
Nicolò era noto già come ideatore di montacarichi a contrappeso ,con quali e stato possibile innalzare il campanile di San Marco,e come costruttore del ponte della Moneta (la prima versione del ponte del Rialto ;il nome viene dal’antico  palazzo della  zecca in cui si coniavano le monete della Repubblica , al estremità orientale del ponte).

http://it.wikipedia.org/wiki/Utente:Carlomorino/Zecca_di_Venezia

Il metodo usato prese il nome di “acqua alle corde”,e usava la particolarità delle corde di Montferrand raising columncanapa che ,se bagnate ,aumentano di diametro e diminuiscono di lunghezza.Fissando le basi delle collone in un buco di fissaggio ,fecce legare al altra estremità le corde che passavano lungo la colonna e venivano fissate a terra in un punto lontano .
Bagnando le corde,queste si accorciavano e facevano alzare le colonne tanto per inserire sotto uno spessore .

Si dice che il Governo della Serenissima decise di premiare Nicolò, concedendogli l’unica
licenza per i giochi di azzardo. Poteva gestire una bisca per il gioco dei dadi, fino ad allora severamente proibito in tutta la città. Ma questa concessione aveva una clausola: da quel momento Nicolò Stratonio diviene Nicolò Barattiere cioè quello che pratica il baratro o tiene un banco di baratteria.
Il posto dove si potevano esercitare questi giochi era fra le due colonne di Piazza San Marco,poiché in quel luogo veniva eretto molto spesso il patibolo per condanne a morte ed era evitato dai cittadini .Quindi il flusso dei clienti era molto ridotto.
La famiglia dei Barattieri hanno presente sullo stemma di famiglia ,tre dadi in ricordo del origine del nome.

 

Altri articoli:  http://dipoco.altervista.org/vedi-articoli/

  Visita il mio sito:  http://ginocosta.altervista.org/blog/reddito-extra/

Su facebook :  https://www.facebook.com/pages/Venezia/630678023668582?ref=profile

San Teodoro-Venezia

San Teodoro-Venezia

San Teodoro Venezia

San Teodoro Venezia

San Teodoro,(Todaro per i veneziani) santo bizantino e guerriero, primo protettore della città,di Venezia,viene raffigurato in marmo ,su una delle collone della piazzetta di San Marco nell’atto di uccidere un drago, metafora del bene che vince il demonio in forma rettile,immagine del maligno, che emette fuoco,che distrugge.

 (La statua è in realtà una copia, l’originale si trova all’entrata di Palazzo Ducale).

san todaro l'originale

san todaro l’originale

San Teodoro di Amasea (l’odierna città di Amasya in Turchia) noto anche come Teodoro Tiro (dal greco Tyron = soldato) era un soldato dell’esercito romano nel Ponto, che subì il martirio per la fede in Cristo.Egli fu martirizzato per essersi rifiutato di fare sacrifici agli dei romani, ed aver dato fuoco al tempio di Cibèle, un antica divinità venerata in Anatolia.Fu torturato e poi gettato in prigione.

Gli offrirono perfino la carica di pontefice se lasciava la sua fede. Teodoro rifiutò , non riconoscendo i loro dei,e testimoniando che non gli avrebbero strappato una sola parola, un solo gesto contro la fedeltà che doveva al Signore.

Il giorno 17 febbraio, probabilmente fra il 306 e il 311 d.C., venne bruciato vivo,sotto l’accusa di essere cristiano.La leggenda racconta che Teodoro non senti il bruciore delle fiamme, morì senza dolore e rese l’anima glorificando Dio.

Fu seppellito ad Euchaite, una località vicino ad Amasea,in Turchia, città che nel corso del decimo secolo venne chiamata anche Teodoropoli (l’etimologia del nome Teodoro deriva dal greco: “regalo di Dio”).

Scuola Grande di San Teodoro

Scuola Grande di San Teodoro

La Scuola Grande di S. Teodoro, dedicata al primo patrono di Venezia, fu costruita a partire dal 1580 su iniziativa della confraternita composta da mercanti ed artigiani che in quell’epoca era ospite presso la Chiesa di San Salvador. Qui si riunivano i membri della corporazione dei commercianti e degli artigiani, che si aiutavano reciprocamente in caso di bisogno.

Sulla facciata secentesca troviamo cinque statue sulla sommità rappresentanti San Teodoro e quattro angeli. Le sculture sono di Bernardo Falcon (seconda metà del XVII secolo). Il salone fu progettato e realizzato da Baldassarre Longhena ed adornato con dipinti risalenti al ‘600 e ‘700 del Vassilacchi, Jacopo Palma il giovane, Balestra, Bassano.

Nel 1999 I Musicisti Veneziani iniziarono a tenere le proprie Stagioni Concertistiche all’interno della Scuola Grande ed essa divenne la più prestigiosa Sala da Concerto di Venezia.  

http://www.duepassinelmistero.com/Veneziainsolita.htm

Le reliquie del martire furono trasportate dall’Oriente a Brindisi ,città di cui è tuttora patrono ( conservate in un’urna reliquiario presso un altare della cattedrale di Brindisi).

In realtà si presume un “sequestro” del prezioso carico diretto dall’Oriente a Venezia. In conseguenza , a Venezia apparve un altro Santo Teodoro, non più soldato ma generale conosciuto come Teodoro di Eraclea o anche come Teodoro Stratelate ( dal greco Stratelátes = portatore di lancia). Fu torturato e crocifisso ad Eraclea Sintica in Tracia ,per ordine di Licinio (Augustus nel 308),e (anche lui) sepolto a Euchaite.

cappella Isidoro, basilica di San Marco

cappella Isidoro, basilica di San Marco

Nel 1267 suoi resti vennero asportati e portati a Venezia,nella Chiesa di San Salvador dove divenne il primo patrono della città di Venezia. Nel altare della chiesa ci sono ancora le ceneri del santo.

Venezia lo festeggia il 9 novembre , come patrono della città fino al XIII secolo. Una piccola chiesa intitolata a lui e esistita fin dal VI secolo nell’area attualmente occupata dalla basilica di San Marco.

Cappella di S. Isidoro ,situata sul fondo del lato sinistro della basilica di San Marco. La parete divisoria rivestita in marmo che la separa dalla basilica corrisponde alla parete esterna originale della antica chiesa di San Teodoro .

Questo sdoppiamento dell martire Teodoro generò una fioritura di leggende e misteri per finire con l’ipotesi di un unica persona,venerata in luoghi e tempi diversi,e che influirono sui giorni delle commemorazioni. Nell’arte bizantina e veneziana i due santi sono spesso raffigurati assieme. Talvolta sono rappresentati a cavallo e si distinguono per essere l’uno soldato armato di spada .La fisionomia dei due santi è invece pressoché identica, venendo sempre raffigurati con capelli corti e riccioluti, barba corta e curata.

Saints Theodore Tyron and Theodore Stratilates

Saints Theodore Tyron and Theodore Stratilates

San Teodoro e considerato santo dalla Chiesa cattolica e dalle Chiese orientali ed è considerato patrono di: militari,reclute e protettore contro i ladri. Nelle chiese bizantine il Teodoro soldato era ricordato il 17 febbraio mentre il generale l’8 febbraio. Per i occidentali invece il soldato era ricordato il 9 novembre e il generale il 7 febbraio.

Sul Ponte di Rialto ,il più antico ponte che attraversa Canal Grande, verso il Fontego dei Tedeschi, sono scolpite le figure di San Marco e di San Teodoro, l’attuale ed il precedente protettore della città,opere di Tiziano Aspetti .

san todaro a rialto

san todaro sul ponte di rialto

Altri articoli:  http://dipoco.altervista.org/vedi-articoli/

  Visita il mio sito:   http://ginocosta.altervista.org/blog/reddito-extra/

facebook: https://www.facebook.com/pages/Venezia/630678023668582?ref=profile