Archivio della categoria: Venice

venice, a museum

An open-air museum, Venice, is among the most beautiful cities in the world and with its lagoon,is considered, World Heritage Site .
OLYMPUS DIGITAL CAMERAThose who entering for the first time in Venice,are suddenly struck by the landscape of a city that seems a scene of a movie ,where everything is of another era, where time seems to have stopped two centuries ago.

Below you can read a brief description of the main museums of Venice, the prices and schedules.

 

 

ducal palace museum

ducal palace museum

Ducal Palace
Considered the grandest civic structure in Italy, dates from 1309. In 1577 a fire destroyed much of the building .For 400 years ,it was the most powerful place in Europe . The Ducal Palace has played three main roles: Doge’s residence, the place of government and courthouse.

Museum hours:

from 1 April to 31 October. 8:30 to 19:00 (admission allowed until 18:00)
from 1 November to 31 March 8:30 to 17:30 (admission allowed until 16.30)

Closed on 25 December and 1 January
Ticket:http://palazzoducale.visitmuve.it/en/home/

Address: Piazza San Marco, 1, 30124 Venice; Phone: 041 271 5911
The Museum Pass: Palazzo Ducale and 10 other museums in Venice, is a combined entry to the Civic Museums (not included Palazzo Fortuny and Clock Tower). It
is valid for 6 months and grant only one admission to each Museum, also can be withdrawn at any museum inserted into pass.

http://www.vivaticket.it/index.php?nvpg[evento]&id_evento=1017029&wms_op=museiCivici&change_language=1
St. Mark’s Basilica

basilica of Saint Mark

basilica of Saint Mark

A short story of the basilica of San Marco:

http://dipoco.altervista.org/venice-basilica-san-marco-stories-reality/

More about http://goitaly.about.com/od/thingstoseeanddo/a/saint-marks-basilica-venice.htm
Hours: Basilica: 9:45 to 17:00

Sundays and holidays: 14:00 to 17:00 (free admission) while the Museum of San Marco, Pala d’oro and Treasury is on payment.

Ticket office:
http://www.basilicasanmarco.it/eng/visite/orari.bsm

Bell tower:

The story of the collapse, in the year 1902:

http://dipoco.altervista.org/572/

With 98.6 meters high is one of the highest towers of Italia. This originally function was
of watch tower and lighthouse .In 1609 Galileo Galilei used the bell to make a demonstration of his telescope.

Hours
Winter  9:30 – 16:00veneziarosa

Summer  9:00 – 21:00

Ticket office: http://www.italyguides.it/us/venice_italy/st_mark_s_square/piazza_san_marco/st_mark_s_campanile.htm

Museo Civico Correr:

The museum offers several routes, a fascinating insight into the Art and History of Venice:
the Napoleonic Wing, a collection of works by the sculptor, Antonio Canova (1757-1822);

Then, the New Procuratie, designed by the architect Vincenzo Scamozzi (1552-1616). Here, in the large halls are illustrated various aspects of Venetian life.
Moreover, there are also collections of ancient art, with important masterpieces of Venetian art from its origins to the sixteenth century.

ca rezzonico

ca rezzonico

Museum Hours:

10:00 to 19:00 from April 1 to October 31,

10:00 to 17:00 from November 1 to March 31,

December 25 and January 1. Closed

Ticket office closes one hour before closing time.

Ticket office: http://www.vivaticket.it/index.php?nvpg[festivalDetail]&id=570&wms_op=museiCivici&SiteVersion=1
Address: Piazza San Marco, 52, Venice. Phone: 041 240 5211
Ca ‘D’oro

The name derives from the originally façade of the building ,who originally was covered with gold.This formed a complex polychrome, now disappeared, considered one of the finest examples of “Gothic flourished” stile of Venice. The gallery houses the works of art
collected by Giorgio Franchetti . The Italian State (1916) complete the collection with bronzes and sculptures on display, as well as numerous paintings by Venetian and Flemish artists.

Ca' d'Oro

Ca’ d’Oro

Opening Hours

Monday 8:15 – 14:00

From Tuesday to Sunday 8:15 – 19:15

Access to the Ca ‘d’Oro is allowed to a maximum of 30 people at a time. The reservation for groups is compulsory, the cost is € 1,50 per person for adults and € 7.00 for groups of students.

Telephone +39 041.5222349

Ticket office: http://www.cadoro.org/information-2/tickets/?lang=en

Address: Cannaregio, 3932, Venice 30121 Phone: 041 522 2349
Peggy Guggenheim Collection

The Peggy Guggenheim Collection is one of the most important museums in Italy for European and American art of the 20th century. Is located in the former home of the American art collector,Palazzo Venier dei Leoni on the Grand Canal in Venice.

hours:

Opening 10-18 daily

Closed Tuesdays and December 25
General information tel: 041.2405.411 fax: 041.520.6885

Ticket office: http://www.saatchigallery.com/museums/full-museum-details/cost/ac_id/248

Address: Dorsoduro, 701-704, 30123 Venice Phone: 041 240 5411

Jewish Museum of Venicemuseo ebraico Venezia

Feeling the need to organize the Jewish presence in Venice, the Government of the Republic, decided by decree ( March 29, 1516), that all the Jewish should live in the area where once were located foundries, “Geto” in Venetian. Also established that they must wear an identification mark ,and forced them to manage pawnshops at rates established by the Serenissima,as well as to submit to many other rules, in exchange for their freedom of religion and protection in case of war.

The museum is divided into two areas, the first dedicated to the cycle of Jewish holidays and the objects used in the liturgy, the second – set more didactically – tells the story of
Venetian Jews through images and objects.
hours

Open 9:00 to 19:00 from June 1 to September 30,
9:00 to 17:30 from 1 October to 31 May
Museum, synagogues and cemetery are closed on Saturdays and Jewish holidays, December 25, January 1 and May 1.

Ticket office: http://www.museoebraico.it/english/biglietteria.html

Address: Sestiere Cannaregio, 2902 / b, Venice 30121, Phone: 041 715 359
Ca ‘Pesaro

The most important baroque palace in the city,made by the architect Baldassarre Longhena.From 1902 houses the modern art collection of the City of Venice; Eastern museum; sculpture collection.

Hours .

ca pesaro

ca pesaro

From 1 April to 31 October 10 to 18 (Ticket 10-17)

From 1 November to 31 March 10 to 17 (Ticket 10-16)

Closed Mondays and December 25, January 1 and May 1

Ticket office:
http://www.vivaticket.it/index.php?nvpg[festivalDetail]&id=573&Language=ITA&wms_op=museiCivici&SiteVersion=1
Address: Santa Croce, 2076, Venice 30135 Phone: 041 721 127
Ca ‘Rezzonico
At Ca ‘Rezzonico, in a splendid palace by Baldassarre Longhena, a rich Venetian residence houses a valuable collection of furniture and paintings of eighteenth-century Venice.

Museum Hours: April 1 to October 31, 10:00 to 18:00 (ticket office 10:00 to 17:00)

from 1 November to 31 March 10:00 to 17:00 (ticket office 10:00 to 16:00)

Closed Tuesday, December 25, January 1 and May 1

Biglieteria: http://www.coopculture.it/en/heritage.cfm?id=33#
Address: Dorsoduro 3136 – Fondamenta Rezzonico, 30123, Venice, Dorsoduro

Tel .: Call center tel. 848082000 – abroad tel. (+39) 04142730892

Web:http://carezzonico.visitmuve.it/en/home/
If you have no money and you decide to make a short visit, look at the site;
What to do in Venice with less than 5 Euro.”
http://www.venicebanana.com/venice_with_less_5_euro.html

 

Have you ever wondered how much can be for you a good monthly income? What will you do with this extra income? Are you interested to have more free time for yourself, and to be together with your family?   Read more …….

http://ipaddy.altervista.org/additional-income-current-income/

Biennale of Venice

biennale of venice

biennale of venice

History;
The first International Art Biennale  was inaugurated in the gardens of the Castle zone, on April 1895.At the eveniment are present King Umberto I and Queen Margherita.
To the first show we see the international participation of Belgium, Austro-Hungary, Denmark, France, Germany, England, Netherlands, Norway, Russia, Spain, Sweden.
In the first editions of the Biennale, all the works were collected in the “Palace of the exposure”, which at the beginning was called “Pro Arte” with the classical facade designed by painters Marius de Maria, and Bartolomeo Bezzi. That was called latter “Italian” pavilion and underwent expansions and modifications over time, mainly in its facade.

the  castello area  -bienale of venice

the castello area

Then other foreign countries began to build their own pavilion .The first was Belgian (1907),then Hungary, Germany, England (1909) France (1912), Russia (1914).
The pavilion of Venice – 1932 was designed by the architect Brenno del Giudice, intended to receive decorative Venetian art in particular glass and lace.
During the years 1970 the Biennale  “comes out of the fence of the gardens ” to identify new exhibition spaces in the entire city. For this reason has been restored and equipped the new buildings of the Arsenale – (the Corderie 1980).

In 1930 the Biennale  organized the first festival of contemporary music; in 1932 the first international exhibition of film art, one of the most important exhibitions of the sector; 1930, the first festival of the theater , 1980 first international exhibition of architecture and 1990, the first festival of dance.

From 1910 begin to be presented solo exhibitions of great international artists such as Gustav Klimt (purchased for the museum Ca Pesaro), Pierre Auguste Renoir, Gustave Colbert; and exhibitions dedicated to impressionist artists as: Paul Cesano (1929), Vincent Van Gogh (1920 ), Amedeo Modigliani (1922), Edgar Degas (1924), August Renoir (1938), Franz Marc (1928),Paul Gauguin (1920), Monet (1932).

After the war, the Biennale  receive a real update on contemporary artistic movements with exhibitions dedicated to impressionism in 1948, Movement Fauves- 1950; the Cubists in 1950, the historic 1950 ,Futurism and Expressionism 1952 ,Contemporary sculpture in 1952, Surrealism, Abstract Art 1954 ,American Painting 1956. In these years are formed artistic currents and Italian painters who will have a great significance in the national art scene.

the italian pavilion

the italian pavilion

In the 1960 the Biennale  continues the upgrade policy by promoting new artistic trends with the American Pop Art movement which has a great success. Follow  the artistic currents: Land Art, The Art Povera, Body art happenings, Video Art, Photography.

During the years eighties and nineties, the Biennale pass times of “crisis and success”,looking for a new identity.

On January 23, 1998 was approved the legislative decree with which the Biennale has become legal personality under private law and took the name of “Cultural Society” La Biennale di Venezia (Biennale of Venice).

The spaces of the Arsenale dedicated to the Biennale are expanded, including the Corderie and Artillery buildings, some old textile factory .

-2001 -Shakespeare & Shakespeare, an interdisciplinary project that involves all sectors of the  Biennale of Venice in a joint tribute to the work of Shakespeare.

-2002 Temps d’images, dedicated to the relationship between live performance, new forms of creativity and media television and film; The festival also takes place in Brussels and Paris.

From June 15 to November 2, 2003, the festival shows an record of 260,000 visitors;

On 15 January 2004 is published in the Official Gazette the decree of reorganization of the Biennale, which is transformed in Foundation.

The tittle of the Biennale of Venice in 2013 “The signs of a revolution” is immediately
clear: give a value to the image. The specific pass for multiple entries with different
cumulative formulas, allow to combine the visit of the pavilions also with the 57th International Festival of Contemporary Music,of the 42nd International Theater Festival
and the 70th Venice International Film Festival (August 28-September 7, 2013).

 Biennale of venice -festival of the movie -lido

festival of the movie -lido

The 55 th edition of the Venice Biennale of Venice, was the biggest stage in the world of international art, and closes with over 475,000 visitors.

The 14 th edition of the International Architecture Exhibition of the Biennale of Venice 2014,
“turn back to the ancient and experience the future.”
From June 3 to 23 November 2014, to coincide with the Biennale of Architecture, the work of the German artist Heinz Mack will remain on display in the square of the island of San Giorgio Maggiore. There are more than 850,000 gold mosaic tiles produced by the Vicenza Trend to cover 9 soaring columns, towering over 7 meters, the installation of the German artist Heinz Mack.

Biennale of Venice

Chalendar of events 2015  http://www.labiennale.org/en/Home.html

Venice -Carmagnola’s head

The Carmagnola’s head, is assimilated to a red porphyry head placed in the loggia
of the basilica of San Marco, stuck on the pillar in the southwest corner of the balustrade.

francesco bussone -carmagnola

francesco bussone -carmagnola

Francesco Bussone, called Carmagnola, was a captain of the Serenissima Republic. Found guilty of treason and alliance with the enemy,  was beheaded in 1432. The charge is unjust for this captain who has dedicated its military capabilities to Venice. But his head must to be exposed to the folk according to the custom, triggering, in the popular imagination a legend remained alive for long time.

In fact the head in porphyry is comming from the sacking of Constantinople during the Fourth Crusade in 1204. Regarding the apartenence of the head are various proposals. The most accepted theory today is that it is from a statue of Justinian I, last emperor of the Eastern Roman Empire that reigns 527-565.

carmagnola

carmagnola’s head

Born in Carmagnola (Turin province), from a poor peasant family, Brussone Francis, one of the greatest soldiers of the fourteenth century, was the protagonist of one of the most mysterious betrayal of the history of Venice. He chose the nom de guerre “Carmagnola”, the name of his country of birth .The emblem of its name were three lambs who remember his humble origins.

testa di carmagnola

carmagnola’s head ,s. polo church

Actually receives the title of Count,but not of Carmagnola region as suggested Alessandro Manzoni in his tragedy -the Count of Carmagnola-1816.

He began his career in Pavia in 1411, fighting for Visconti family. He manages to defeat their enemies , gaining the feud of Castelnuovo Scrivia, the title of Count and the hand of Antonia Visconti.From that moment Carmagnola removed from this noble shield the three lambs and replaced them with the snake and the imperial eagle and the title of Vicecomes. Under the jealousy and criticism of his rivals,the relations with Filippo Maria Visconti becoming worse. The Duke entrusting him governorship in Genoa, recently recaptured, an exile of fact. For Carmagnola was an evident sign of distrust and loss of power.Breaking the relationship with the Duke, Carmangola goes with few faithful solders in Savoy.But Amadeus VIII refuse to accept him.

Isolated, betrayed and dispossessed of his assets, Carmagnola pointed on Venice. Serenissima hired him; named him “Captain General of the coalition Venetian-Tuscan” and quartered in Treviso .Here, the Duke of Milan try to kill him by poisoning but without success, because the attack was discovered.

-esecuzione.di carmagnola-ilustrazione  ottocentesca

execution of carmagnola

Francesco turn back to fight against Visconti, making alliance with Florence, Ferrara, Mantua and Monteferrato.At Malcodio (October 12, 1427) Visconti was forced to surrender .Sforza try a last stand but was wounded and forced to take refuge in Soncino. Carmagnola not chase him . Venetian army made many prisoners on the battlefield.

Amoung them was Carlo Malatesta,lord of Rimini, Fano, Cesena and Fossombrone. .
Carmagnola received after the fight, a palace on the Grand Canal and the lordship of Castenedolo in Brescia.After the peace ,signed with the curse of the Pope, the Venetians, dissatisfied, found guilty Carmagnola for not chaseing Sforza’s army, suspecting the intention to betraying in favor of Francesco Sforza.In early January 1429, justifying the recovery of his family members, the Count asked the release of his contract for one year. The Senate did not believe him and the 10th of the month rejected the request, hiring him again with a thousand ducats a month for other two years.

La cattura del conte di Carmagnola

The capture of Carmagnola

During the siege of the castle of Sconcio , Carmagnola falls into an ambush, losing more than six hundred horses. Then he was accused of non loyalty when he was not able to succor Nicolo Trevisan, and then Cavalcabo -who fought against the Milanese and were defeated by the lack of support. With a ploy Carmagnola was called to Venice , arrested and tortured in Palazzo Ducale. It is said that Carmagnola confessed his betrayal under the torture. On May 5, he was led into the square .At the presence of his wife and four daughters, with a gag in his mouth was beheaded.

il leone  in lotta.con il serpente

the lion and the snake

On the portal of the bell tower of the church of San Polo are two statues: the one on the right, is a lion showing a decapitated head .Some say that it is of Marin Faliero, http://dipoco.altervista.org/the-council-of-ten-in-venicefornarettos-story/ , but others say that it is the head of the Count of Carmagnola. That is proven by the lion on the left,symbol of Venice, clinging in mortal combat with a snake, a symbol of the Visconti and Bussone .

 

——————————————————————————————————————–Have you ever wondered how much can be for you a good monthly income? What will you do with this extra income? Are you interested to have more free time for yourself, and to be together with your family?   Read more …….

http://ipaddy.altervista.org/additional-income-current-income/

Altane, Venezia

altane

altane

Venezia,altane .Le altane, sono molto simile alle  terrazze pensile , aperte su uno o più lati, in legno o in ferro ,sorrette da pilastri, esposte al sole e al vento , poggiate sui tetti,vicino al sole.
Elemento minore dell’edilizia veneziana,(che probabilmente esiste solo in questa città e a Firenze) continuano da sempre ad attirare l’attenzione. A differenza delle terrazze e dei balconi comuni, queste non sporgono oltre la sagoma dell’edificio sul quale sono costruite ma come dice il nome si sviluppano verso alto .

 

In una città la cui struttura urbana è formata da calli molto strette e spesso ombreggiate ,si  trovano questi ingegnosi spazzi sollevati, sostituendo un giardino ,dove i veneziani vanno a prendere il sole, stendere il bucato, godere il panorama .

LE ALTANE DI VENEZIA

Libreria Tolettahttp://www.tolettaedizioni.it/2013/12/le-altane-di-venezia/

venezia

venezia

Si racconta che le donne veneziane una volta ci salivano sulle altane ,per schiarirsi i capelli con i raggi del sole.Cosi ,il biondo ,il rosso veneziano dei capelli si otteneva asciugandosi al sole. L’operazione si ripeteva nuovamente , dopo un trattamento con delle tinture  tramandate fino ai  nostri giorni .
(“Les femmes blondes selon les Peintres de l’école de Venise”, Armand Baschet e Feuillet de Conches, 1865 Parigi.)

venezia

venezia

Dal trecento  l’immagine dell’altana si ritrova nelle opere di pittori celebri da Bellini, Carpaccio e de’Barbari, a Canaletto, Zompini, fino a Ciardi, dove si possono ammirare altane ancora esistenti, visibili o nascoste.
Le altane di oggi  impreziosite dalle decorazione di piante, fiori, diventano piccole serre.Su di esse si vedono posizionate sedie e tavoli , sdraio da spiaggia,oppure delle tende per proteggere dagli eccessivi raggi solari o dai sguardi indiscreti.

Visita il mio sito:  http://ginocosta.altervista.org/blog/reddito-extra/

Antonio Vivaldi- Venezia

Vivaldi

Vivaldi

Lucio Antonio  Vivaldi nasce il 4 marzo 1678 a Venezia. Sarà ufficialmente battezzato  nella chiesa di San Giovanni in Bragora non lontano dall’abitazione dei Vivaldi,
alla Ca’ Salomon ,attualmente Campo Bandiera e Moro, tra i numeri 8905 e 8908 ,nel sestiere Castello.

I problemi di salute afflissero Vivaldi per tutta la vita,forse un asma bronchiale, ciò che lui stesso definirà strettezza di petto.
Studia il violino ,e dimostrò un grande talento, assieme al suo padre che era violinista dell’orchestra di San Marco,la basilica in quel tempo era solo la Cappella privata del Doge .
Il 23 marzo 1703 fu ordinato sacerdote e fu subito soprannominato il Prete Rosso ,poi diviene insegnante di violino preso l’istituto della Pieta (un ospizio gratuito per orfanelle e bambini provenienti da famiglie molto povere),con uno stipendio di 60 ducati annuali.Queste giovani cantavano e suonavano con ogni strumento; facevano della musica la loro occupazione principale, disponevano dei migliori maestri e le loro esecuzioni erano quindi celebri in tutta Europa.
Nel 1705 compose una serie di dodici sonate a tre ,dedicata al nobile veneto Annibale Gambara ,ed in seguito (1713) la sua prima opera Otone in Villa su libretto di Domenico Lalli,Orlando finto pazzo (1714) e L’estro armonico Op.n.3 una colezzione di composizioni strumentali dedicate a Ferdinando di Toscana .
Nel 1708 apparve una seconda raccolta di 12 sonate per violino e basso continuo (Opus 2), ma la rinomanza a livello internazionale fu raggiunta con la sua prima collezione di 12 concerti per uno, due e quattro violini con archi, L’estro armonico (Opus 3).

Chiesa di San Giovanni in Bragora – Venezia

Chiesa di San Giovanni in Bragora – Venezia

Questi concerti ebbero uno strepitoso successo in tutta Europa e furono seguiti nel 1714 da La stravaganza (Opus 4), una raccolta di concerti per solo violino e archi.
Giuditta triumfante debuto nel novembre 1716 ,con il testo scritto dal poeta veneziano Giacomo Casetti ,basato sulla lotta tra i veneziani e i turchi.

Per tre anni compone musica per il Teatro Arciducale ,alla corte di Mantova, con il titolo di maestro di Capella , poi ,nel 1725 porto al termine op.8 con le cellebrrime Quattro Stagioni.Dopo il grande succeso,Vivaldi prende la direzione del teatro sant Angelo
a Venezia continuando a scrivere opere come Dorilla in Tempe,Farnace e Siroe,Re di Persia.
Detto il Prete Rosso per il colore dei suoi capelli, fu uno dei violinisti più virtuosi del suo tempo e uno dei più grandi compositori di musica barocca.
Il primo incontro con l’importantissimo commediografo Carlo Goldoni risale al anno 1735.
All’apice della sua carriera, Vivaldi ricevette numerose commissioni dalle famiglie nobiliari e reali d’Europa. La serenata La Gloria, Imeneo (RV 687) fu scritta per il matrimonio di Luigi XV. L’Opus 9, La cetra, fu dedicata all’imperatore Carlo VI.
Poi la sua musica cadde nell’oscurità, dove rimase fin quasi alla metà del XX secolo,
quando la figura di Vivaldi è tornata nel panorama della storia della musica europea.
La morte di Vivaldi ,avviene il 28 luglio 1741 a Viena.Muore povero e solitario, rovinato, si disse, dalla sua eccessiva prodigalità.

Una biografia completta di Vivaldi:
http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=454&biografia=Antonio+Vivaldi
Nel 1705 i Vivaldi traslocano a Campo San Provolo, Venezia, al numero 4358 e lì restano fino al 1722.Poi si spostarono nella casa situata ai piedi del Ponte del Paradiso, Campo di Santa Maria Formosa.  Dal 1730 al 1740 i Vivaldi vissero al numero 4644 di Calle Bembo. Il loro appartamento era situato sul mezzanino e si affacciava sul Canal Grande .

tre putti musicanti

tre putti musicanti

Monumento dedicato a  Antonio Vivaldi
Bronzo di Gianni Aricò dedicato a Antonio Vivaldi a San Basilio ,ingresso della stazione marittima di Venezia. Nominato “tre putti musicanti”,il gruppo statuario rappresenta le giovane orfanelle istruite alla scuola della Pietà.

Opera che ricorda il grande musicista ,trasforma i modelli robusti ,di un gruppo statuario alto più di tre metri,di bronzo,in un piacevole morbidezza .La tecnica usata , il modellato «non-finito» che vive di vibrazioni sensibili ,sembra di invitare lo spettatore “a sentire” la musica fine e ritmata di Vivaldi.
I capelli pettinati al vento, i volti soavi delle fanciulle,che riflettono gioie,dolori,freschezza; riflettono,le gioe e le paure di Vivaldi,le indimenticabile quattro stagioni.

Gianni Aricò, artista veneziano,
http://www.aricogianni.com/azienda/biografia.html

lapide a memoria di Antonio Vivaldi

lapide a memoria di Antonio Vivaldi , calle della pieta

Lapidi a memoria del compositore a Venezia si possono trovare in Calle della Pietà e sui muri della chiesa di san Giovanni Battista in Bragora.
 Quelli che vogliono fare un percorso turistico,possono visitare il sito :
Dove abitava e lavorava Vivaldi?
http://www.antonio-vivaldi.eu/it/contenu.php?id=2#
Ateneo San Basso- Venezia (piazzeta dei leoni)

I Virtuosi di Venezia nelle celebri ed emozionanti “Le Quattro Stagioni” di Antonio Vivaldi: quattro concerti per violino ed archi che rappresentano le scene della natura in musica, ispirati ciascuno ad ogni stagione…
http://www.virtuosidivenezia.com/luoghi.php

 

 

 

Visita il mio sito:  http://ginocosta.altervista.org/blog/reddito-extra/

 

I campanili pendenti a Venezia

I campanili pendenti a Venezia, nel centro storico, sono tre. Il quarto campanile pendente e quello della chiesa di San Martino,a Burano, a otto leghe da Venezia .A causa del cedimento del suolo su cui sorgono, che a Venezia non è dei più solidi, molti campanili presentano la caratteristica di non essere proprio in asse, ma di essere pendenti.
Il Campanile della Chiesa di San Giorgio dei Greci, è il Campanile di Santo Stefano
hanno una inclinazione simile a quella della Torre di Pisa, dalla sommità alla base un’inclinazione di 2 metri circa, ma non sono altrettanto celebri.

san pietro castello

san pietro castello-i campanili pendenti

Il campanile meno pendente dei tre,è quello della basilica di San Pietro di Castello.

La chiesa è situata all’estremità nord-orientale della città di Venezia,nell’isola di S. Pietro , sestiere di Castello, il primo insediamento abitativo e il primo centro religioso, politico e commerciale della città non lontano dai bacini dell’Arsenale.

La prima chiesa,risale al VII secolo,ed è intitolata ai santi bizantini Sergio e Bacco .
La “nuova” chiesa ,edificata nel IX secolo,fu al inizio sede vescovile dipendente dal patriarcato di Grado dal 775 al 1451, poi cattedrale e sede patriarcale di Venezia fino al 1807 – quando il titolo passò a San Marco.

Il campanile e una struttura massiccia ,ma elegante, in pietra d’istria e staccato dal corpo della chiesa. La sua costruzione risale al 1463, anche se nel 1482 venne ricostruito in seguito al danneggiamento da parte di un fulmine (opera di Mauro Codussi 1482-90) .
La piccola cupola della sommità oggi e sostituita da un tamburo poligonale.

Dal 1630 alla caduta della Repubblica la Serenissima Signoria svolgeva un annuale pellegrinaggio nella basilica l’8 gennaio, per celebrare la liberazione della città dalla peste.
L’altar maggiore, di marmi policromi intagliati, realizzato su disegno di Baldassarre Longhena (1649), contenente un’urna con le spoglie del primo Patriarca di Venezia, San Lorenzo Giustiniani. La pala d´altare fu realizzata da Paolo Veronese.
A rafforzare il fascino di questa antica chiesa, nella navata destra è posta la cosiddetta Cattedra di San Pietro, tradizionalmente considerata il seggio del Santo ad Antiochia , proveniente da Antiochia, ma assemblata probabilmente nel XIII secolo utilizzando un’antica stele funeraria di arte arabo-mussulmana con iscrizioni del Corano e decorazioni arabe.

Durante la prima guerra mondiale la cupola è stata colpita due volte da bombe incendiarie .

Aperta al pubblico:

Da lunedì a sabato dalle ore 10.00 alle ore 17.00 (ultimo ingresso ore 16.45).
Domenica, 1 gennaio, 15 agosto, 25 dicembre ,chiuso.
http://www.arte.it/guida-arte/venezia/da-vedere/chiesa/chiesa-di-san-pietro-di-castello-967

 

 
La chiesa di Santo Stefano

Santo Stefano Venezia

Santo Stefano Venezia-CAMPANILI PENDENTI

Si trova nel sestiere di San Marco ,non lontano dal Ponte dell’Accademia ed è la terza chiesa conventuale veneziana assieme ai Frari e santissimi Giovanni e Paolo.
Il suo campanile, staccato dal corpo della chiesa, con i suoi 66 metri è uno dei più alti di tutta la città.Di impianto romanico con cella a tre archi e sovrastato da un tamburo ottagonale. 
Il campanile pendente di Santo Stefano ,ricostruito, in secoli diversi, ben quattro volte ha rischiato di crollare più volte è sta in piedi per miracolo.

Durante la sua (ultima) costruzione,raggiunta un’altezza di circa 30 metri, un cedimento delle fondamenta lo fece inclinare, ma i lavori continuarono e al altezza di 66 metri arrivo con un’inclinazione dalla sommità alla base di 2 metri circa.Vicino alle sue fondamenta si vedono i grandi supporti che lo sostengono e gli impediscono di cadere.

La chiesa fu spesso teatro di episodi di violenza e anche di omicidi, tanto che per questo motivo nel corso dei secoli venne sconsacrata per ben sei volte.
Il portale,è in stile gotico fiorito veneziano della bottega di Bartolomeo Bon.La sagrestia contiene un vero e proprio museo di grandi nomi del Rinascimento veneziano. Ospita quattro tele di Jacopo Tintoretto: Resurrezione (1565) , l’Ultima Cena (1579-80), Cristo lava i piedi agli apostoli (1579-80) e l’Orazione nell’orto (1579-80). Altro grande artista presente in questo spazio è Antonio Vivarini con due notevoli opere: San Nicola di Bari e San Lorenzo martire (1475);sopra il Martirio di Santo Stefano (1630 -1638) di Sante Peranda.
Nella chiesa si conserva il corpo di santo Stefano protomartire.
http://dipoco.altervista.org/venezia-la-chiesa-di-santo-stefano/

Sotto l’altare della chiesa passa un canale, navigabile solo con bassa marea.
Nel centro del Campo Santo Stefano è situato il monumento a Nicolò Tommaseo letterato e patriota veneziano del XIX secolo.
In questa grande piazza di Venezia sorgeva un tempo la Chiesa di S. Angelo ed a lato esisteva un campanile, anch’esso pendente.

http://www.arte.it/guida-arte/venezia/da-vedere/chiesa/chiesa-di-santo-stefano-798
La chiesa di San Giorgio dei Greci.

san giorgio dei greci sam

san giorgio dei greci

Al momento del crollo dell’impero bizantino e della presa di Costantinopoli da parte dei turchi, un certo numero di greci ortodossi cercò riparo nella città lagunare. Ben presto ebbero bisogno d’una chiesa .
L’erezione della chiesa di San Giorgio dei Greci iniziò nel 1536 su progetto di Sante Lombardo e fu ultimata nel 1561 sotto la guida di Giannantonio Chiona,nel sestiere di Castello,non distante dalla Riva degli Schiavoni ,nelle vicinanze della chiesa di San Zaccaria.La sua costruzione si è resa possibile grazie ai contributi dei greci ortodossi di Venezia e dei marinai greci di passaggio nella città.Nel periodo di massima fioritura Venezia contava circa 12.000 greci.

Il Campanile fu edificato da Bernardo Ongarin tra il 1587 ed il 1592, su progetto di Simone Sorella.Il campanile pende da quando fu costruito, perché il terreno su cui poggia cedette da un lato.
Pur non presentando particolari rischi, viene comunque continuamente monitorato dal comune di Venezia.

La sua pendenza e ben visibile dal ponte sul rio dei Greci,vicino al ponte dei sospiri,e ogni turista che è passato questo ponte lo ha fotografato.
La chiesa di San Giorgio godeva del particolare privilegio di essere sottoposta direttamente al Patriarcato Ecumenico di Costantinopoli, il quale vi inviava i propri chierici, quasi tutti personaggi eminenti dell’epoca. Attorno alla chiesa si è sviluppato il famoso quartiere dei greci.
L’interno ha una struttura a navata unica ed è ricoperto di affreschi, opera di Giovanni di Cipro.L’iconostasi è caratterizzata da decorazioni in marmo e da pitture di Michele Damasceno raffiguranti vari santi e, sull’architrave, le Dodici feste. Nella parte centrale ,un “Cristo Pantocrator” ,la più importante opera della chiesa ,opera di anonimo bizantino ,completa la decorazione dell’iconostasi risalente alla fine del Trecento .Sono inoltre presenti numerose altre opere pittoriche (Ascensione di Giovanni Ciprioto; la tavola Ultima Cena del cretese Benedetto Emporios; Deposizione di Michele Damasceno).

 

La conquista della Repubblica di Venezia da parte di Napoleone, nel 1797,ha causato la decadenza della ricchissima comunità greco-ortodossa della città lagunare.
La vicina Scuola di San Nicolò dei Greci, ridisegnata da Baldassare Lunghena nel 1678, è ora il Museo delle Icone dell’Istituto Ellenico.

http://www.veneziasi.it/it/chiese-venezia/chiesa-san-giorgio-greci.html
Chiesa di San Martino a Burano,a otto leghe da Venezia.

burano campanile

burano campanile

Al inizio chiesa parrocchiale di Burano, divenne chiesa di San Martino, vescovo di Tours dopo l’anno 1000 .
Fu costruita tra il 1500 e il 1600 e fu consacrata il 29 ottobre del 1645 dall’allora vescovo di Torcello Marco Antonio Martinengo.
Il campanile, alto 53 metri è a pianta quadrata. Costruito nel XVII secolo, ha caratteristiche architettoniche rinascimentali e neoclassiche. Ha subito vari restauri nel corso dei secoli, soprattutto nella parte alta, dalla cella campanaria in su.
Tra le opere di manutenzione nota è quella realizzata su progetto del Tiralli, avvenuta tra il 1703 e il 1714. L’angelo in bronzo della sommità fu distrutto dall’uragano che colpì l’isola il 25 settembre 1867,e sostituito poi da una croce di ferro.
La struttura subì i primi cedimenti già in fase di costruzione che progredirono lentamente fino al secondo dopoguerra, epoca in cui si registrarono rapidi incrementi al punto tale che il Comune di Venezia diede corso ad un intervento di consolidamento statico concluso nel 1970. A causa di un cedimento del terreno è inclinato sull’asse di 1,83 m.

Vista dall’esterno, la chiesa manca di ingresso principale, infatti si entra lateralmente da una porta ,vicina alla Cappella di Santa Barbara.

L’interno, strutturato su una pianta a croce latina con soffitto a volta, è a tre navate con transetto .
Nel primo altare a sinistra si trova il dipinto di Jacopo Palma il Giovane San Rocco, San Sebastiano e Sant’Antonio Abate. A sinistra dell’altare vi è una porta che conduce alla sacrestia, dove sono conservati “L’Addolorata”, di Nicola Grassi, sec. XVIII e il “Cristo Sorretto da un Angelo” attribuito ad Antonio Zanchi, sec. XVIII.Poco più avanti è possibile ammirare la “Crocifissione” (1725), opera giovanile di Giambattista Tiepolo (1696 – 1770).
Secondo la tradizione furono tre santi a difendere la diocesi di Torcello dalla peste, per la quale morirono migliaia di persone.La popolazione inizio la costruzione di un altare non appena passò il pericolo della peste.La pala che adorna l’altare, opera di Bernardino Prudenti (sec. XVII), rappresentante i tre santi :Sant’Albano tra San Domenico e Sant’Orso, con la sua data di creazione (1638). Sotto la mensa dell’altare è situato un sarcofago di marmo su cui riposano i corpi dei tre santi.
Nella chiesa si conservano anche le reliquie di Santa Barbara.
La piazza di Burano, è stata dedicata a Baldassarre Galuppi (1706-1785),nato a Burano, uno dei compositori più originali d’Italia nel genere comico, detto “Il Buranello”.

http://www.turismovenezia.it/Venezia/Chiesa-di-San-Martino-Vescovo-Burano-6119.html

 
Vi sono stati dei tentativi per raddrizzarne alcuni campanili pendenti in varie parti di Venezia. Un tentativo fortunato fu quello, dell’architetto Giuseppe Sardi con il campanile dei Carmini:
Nel 1678 Sardi progettò il campanile della chiesa di Santa Maria dei Carmini, che però divenne pericolosamente pendente a causa di un errore del capomastro a cui era affidata la sua esecuzione. Quest’ultimo venne soprannominato Lo Stortina, ma per Sardi la cosa non fu così divertente. Gli esperti ne richiesero la demolizione, ma lui provò in tutti i modi a raddrizzare il campanile – e ci riuscì!
Altri interventi furono meno fortunati e furono la causa del definitivo crollo del campanile,
oppure sono stati mozzati perché erano tropo pericolanti (San Boldo, Santa Margherita).

Visita il mio sito:  http://ginocosta.altervista.org/blog/reddito-extra/

Su facebook :  https://www.facebook.com/pages/Venezia/630678023668582?ref=profile

The House of the Seven Chimneys

The House of the Seven Chimneys was built as a popular housing in 1700.
Was born as a poor building to house the workers from nearby factories (cotton
mills, spinning mills).The House has an unusual feature ,of having lined up on the side facing the channel seven fireplaces.

The House of the Seven Chimneys- Venice

The House of the Seven Chimneys- Venice

The House of the Seven Chimneys has undergone a major restructuring in 1995. To save it from high water, among other works, the building, heavy  six hundred tons, was cut at the base and raised 40 centimeters (in just three days, using 62 hydraulic jacks ).

The restoration made almost unrecognizable the House of the Seven fireplaces, but still maintaining a feature which took place over the centuries: by the weight of the chimneys on the facade overlooking the river, a very slight slope forward.
The Municipality of Venice, the property owner, gets seven small apartments on the ground floor, in
addition to the 14 existing on the upper floors. On the opinion of the Venetians, after the
restoration, the house of the seven chimneys ,has lost its original beauty coming to resemble a rural house on the mainland.

http://archiviostorico.corriere.it/1996/maggio/12/Cosi_alzata_Casa_dei_camini_co_0_9605128319.shtml

The House of the Seven Chimneys- Venice

The House of the Seven Chimneys- Venice

In Venice, a major problem is the high water, that ,when it comes invades the ground floor of many buildings, making them uninhabitable. Among the other buildings in high flood risk, who need a lift of at least 80 cm, there are the Palazzo dei Camerlenghi, Rialto; the Church of San Moise near San Marco.

http://dipoco.altervista.org/venezia-camerlenghi-palace/

The lifting system of the buildings with the jacks is not a novelty for Venice. Already in 1980, the building that houses the High School Marco Polo in the immediate vicinity of the Ponte delle meravegie (Wonderland), was lifted to 90 cm with the same sistem.

These types of lifts in, addition to the high cost, do not guarantee a uniform lifting, (in spite of the sensors placed at various points of the building to control the safe lifting), sudden movements risks the collapse of the entire building.

 

other items:  http://dipoco.altervista.org/see-other-items/

visit my website  http://ginocosta.altervista.org/you-can-do-it.html

 

Venice,strange weather events.

Venice-strange weather events.

Strange weather events have always been in the world ,but also in Venice .
Have to remember some rare and unexpected events for a city with a typical climate of the Po Valley, with minimum winter temperatures on average of 1 ° C, a transition between the Mediterranean and the continental climate.
Considered “normal phenomenon” in Venice are the tides, the highest in 1966.
http://dipoco.altervista.org/venice-the-highest-tide/

Strange weather events – frozen lagoon,
In Venice the frozen lagoon is not a weather event that occurs often. The salt water does not freeze at 0 degrees, but at a lower temperature. Furthermore the tidal current moving the water back and forward  preventing  the frost.

Strange weather events ;Venice frozen lagoon

Strange weather events; Venice frozen lagoon

At January 17, 1929, there were about ten days with almost uninterrupted snowfall.
On February 4,on the Karst Plateau there were -14 ° C, the lowest temperature of the last 32 years. All the rivers and alpine lakes frozen. Even in Venice, the minimum dropped to -9.2 °C, quite exceptional minimal temperature.

February 5, 1929.

At Padua the temperature fell to -16.3 °C, a temperature that no one remembers
on the past. The other cities of the Veneto region have touched very low values​​; Venice -10 °C.The city is hit by an extraordinary ice. The snow from the next few days increases the layer of ice .With all the lagoon frozen , Venice becomes a spectacle. The thickness of the ice allows men to walk on the lagoon.

“In the year 1929 , the Liberty Bridge didn’t exist yet ,and the people crossing the lagoon walking on ice to get to the mainland. You could walk from the Foundamenta Nuove to the new cemetery, or from the island of Torcello to Venice.”

strange weather events frozen channals

strange weather events; frozen channals

More recently, the cold wave hit Italy in January 1985 .Was one of the most rigid winter
from 1951 . Because of the influx of cold masses coming directly from the polar regions,
in many places fell to 10 degrees, and also below zero. Then came the snow, and more exactly what many Italians consider the “snow of the century.” For 72 hours, fell between 70 and 90 cm of snow (30 cm on Venice). The minimum temperature -9 ° C had almost totally freeze the lagoon.
In 2012, the more open areas freeze, till the inner channels of Venice and the Grand Canal,to the astonishment not only of the Venetians as well as the tourists who are coming to the party. The carnival of that year was spoiled because of the very rigid temperatures.
Strange weather events – tornado

 tornado-venezia

tornado-venezia

A realy strange weather event was of September 11, 1970, a tornado killer.
Starting from the Euganean Hills ,passing through Padua, Abano Terme and Selvazzano Dentro and heading towards Venice,70 km away.
Arriving in Venice fully invested a speedboat near the island of St. Helena. 21 people died. At 21.45 struck Camping Ca ‘Savio where there were about 300 people, destroyed 80 tents, and razed to the ground 57 bungalows.
The tornado stopped in Cavallino village ,dissolving itself. Caused around 36 casualties, 500 injured and damage more than 5 billion italian lire. (1 euro=1936.27 lire)
The tornado of September 1970 was one of the most violent phenomenon that ever struck Italy.
http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?t=484677

Stone commemorating the tornado victims; Giardini

Stone commemorating the tornado victims; Giardini

June 12, 2012 part of the Lagoon of Venice was destroyed by another tornado. That time hit the Islands of St. Erasmus and St. Helena.
The gusts of wind (estimated at over 120 km / h) create damage to old buildings (roof of the public transportation venice ticket office ).
The tornado swept away thirty-four rowboats. Many fallen trees. Some people have been
blocked by falling branches, but were not seriously injured. In some parts of the city the boat navigation was blocked.
Other strange events that hit Venice in history have been earthquakes:

The most severe earthquake in Venice was in 1093 that “wrinkled the bell tower of San Angelo and let behind death and famine.”

The Villach earthquake of 1348, the eleventh grade Richter, he did ruin many bell towers in Venice. Another aspect concerns the advent of the waves of the seaquake: The Grand Canal remained dry ,and “you can see the bottom,while the water poured now on one side, now on the other.”

Collapse of the  statue ;Papadopoli gardens,Venice

Collapse of the statue ;Papadopoli gardens,Venice

In the following centuries seems to see a decrease in the intensity of earthquakes until the nineteenth century that was marked by “seismic calm” in the Venice area .
From August to the end of November 1997 a seismic swarm, usually with Richter Magnitude less than 3, has affected the northern part of the Province of Venice.
In the early morning, Tuesday, May 29, 2012, the Centre and North of Italy were upset by a new earthquake.

The epicenter of the earthquake, has been in the Po Valley , and more precisely in the province of Modena (between the towns of Medolla, Mirandola and Cavezzo ).
The quake was felt few seconds after 9 am, and had a magnitude of 5.8 degrees.

papadopoli ,the  statue

papadopoli ,the statue

In Venice, the earthquake caused the collapse of a statue, close to falling on a woman, at Papadopoli Gardens where several statues are crumbling.

Venice June 21, 2013
A strong earthquake, magnitude 5.2, was felt across northern  and in the center of Italy, a few minutes after 12:30. The epicenter was located between Liguria and Emilia, in Fivizzano in the province of Massa Carrara. The earthquake was felt in Venice but did not do any damage.

 

 

other items:  http://dipoco.altervista.org/see-other-items/

visit my website  http://ginocosta.altervista.org/you-can-do-it.html

 

I papi veneziani

I papi veneziani ,nati a Venezia o Patriarchi di Venezia, sono stati quattro.

mitra dei Papi

mitra dei Papi

Al inizio ,vescovo di Roma ,appartenente alla chiesa Bisantina,il Papa,diventa più potente con il passare del tempo.

Arriva a poter escludere dalla comunità dei cristiani chiunque,con un provvedimento chiamato “scomunica”.I sudditi non potevano più ubbidire ad un re o un signore scomunicato,che poi rischiava di perdere la sua autorità e il suo potere.

Il Papa poteva proibire ad alcuni di partecipare alla mesa,o altri riti religiosi,o di ricevere sacramenti . Questo provvedimento meno grave della scomunica era chiamato “interdetto”. Cosi il papa poteva costringere imperatori ,re ,feudatari,ad ubbidire e a riconoscere il suo enorme potere non solo come capo della chiesa ma anche come capo dei cristiani.

Il patriarca di Costantinopoli pero non riconosceva l’autorità del Papa.Dopo una serie di polemiche la chiesa d’oriente detta la chiesa greca si stacco da quella cattolica dandosi il nome di Chiesa Ortodossa (scisma d’oriente 1054).

insegne del Papa

insegne del Papa

La Serenissima è sempre stata una repubblica laica, legata alla religione, ma molto meno al papato. Non si è mai fatta condizionare dal papato , anche nei tempi più oscuri dell’Inquisizione.Nel 1606 la Repubblica stessa venne scomunicata dal Papa.

La dimensione della fede ,tra i veneziani religiosi o laici si può vedere nel numero impressionante di capitelli,cioè le edicole sacre che riempiono ogni strada,ma sopra tutto per l’importante contributo offerto alla cristianità ,fatto di martiri,santi,beati e papi, da San Sagredo ,a San Lorenzo Giustiniani,o papi come Pio X e Giovani Paolo I.

Pio X (Papa dal 09/08/1903 al 20/08/1914) Giuseppe Melchiorre Sarto nacque a Riese (Treviso), oggi Riese Pio X, il 2 giugno 1835,  figlio di Giovanni Battista Sarto e Margherita Sanson.

Pio X

Papa Pio X

Vescovo di Mantova (1884) e patriarca di Venezia (1893), sale alla cattedra di Pietro con il nome di Pio X. A Venezia amò tutti ed era amato da tutti,aveva in realtà notevoli doti e non era affatto sprovvisto di cultura, leggeva numerose opere, parlava e leggeva il francese, possedeva un gusto artistico e protesse i tesori d’arte della Chiesa.

Il 20 luglio 1903 ad oltre 93 anni, morì papa Leone XIII, che aveva governato la Chiesa oltre 25 anni. Il cardinale Sarto ,patriarca di Venezia partì a Roma. Non tornò più a Venezia perché eletto papa.

Aveva 68 anni quando salì al Soglio Pontificio instaurando una linea di condotta per certi versi di continuità, specie in campo politico, ma anche di rottura con certi schemi ormai consolidati, ad esempio, sebbene di umili origini egli rifiutò sempre di elargire benefici alla famiglia, come critica verso certi nepotismi e favoritismi , fino allora praticati. È il primo Papa dell’età contemporanea a provenire dal ceto contadino e popolare. È uno dei primi pontefici ad aver percorso tutte le tappe del ministero pastorale, da cappellano a Papa.

Il pontefice morì nella notte tra il 20 e il 21 agosto 1914. Il suo successore, papa Giovanni XXIII, autorizzò il ritorno dell’urna con il corpo dell’ormai santo Pio X, che avvenne trionfalmente il 12 aprile 1959; l’urna esposta nella Basilica di San Marco, rimase a Venezia per un mese fino al 10 maggio, a ricevere il saluto e la venerazione dei suoi veneziani.

http://www.museosanpiox.it/sanpiox/pio_x1.html

Il corpo tornò a Roma e fu sepolto nelle Grotte Vaticane. Fu beatificato il 3 giugno 1951 , da papa Pio XII,e proclamato santo il 29 maggio 1954.

Papa Alessandro VIII (papa da 06 /10 1689 a 01/02/ 1691)

papa alessandro VIII

papa alessandro VIII

Pietro Vito Ottoboni nacque a Venezia ,il 22 aprile 1610, da una nobile famiglia veneziana: il padre, Marco Ottoboni,era cancelliere della Serenissima.

Il giovane passò l’infanzia nella campagna trevigiana, presso la villa di famiglia a Rustignè, attuale frazione di Oderzo ( Vittorio Veneto). Si laureò in “utroque iure” (ovvero in diritto civile e canonico) all’Università di Padova a 17 anni.

Il 13 novembre 1643 fu nominato da Urbano VIII uditore della Sacra Rota.Nove anni dopo fu nominato vescovo di Torcello, nella laguna veneziana; successivamente, nel 19 febbraio 1652, creato cardinale (Presbitero) di San Salvatore di Buscia .Poi, il 7 dicembre 1654, a vescovo di Brescia,che governò per 10 anni.

Il pontificato di Papa Innocenzo XI,  si  trovava in perenne conflitto con il re di Francia Luigi XIV a tal punto che gli trasformato la residenza a Roma in una fortezza. Anche la posizione dell’Ortoboni fu decisa: assoluta opposizione al tentativo di Luigi XIV di estendere il diritto di regalia su tutte le Chiese di Francia.

L’ambasciatore di Luigi XIV riuscì a ottenere, il 6 ottobre 1689, l’elezione di Ottoboni, considerato più vicino al sovrano francese, come successore di papa Innocenzo XI . L’Ottoboni si prestò abilmente al gioco, mostrandosi, pur senza fare alcuna specifica promessa, molto conciliante e ben disposto verso Luigi XIV.

E necessario sottolineare lo sforzò durante il breve corso del suo pontificato di salvaguardare le posizioni di Roma in Francia, senza arrivare a una rottura con Luigi XIV. “Luigi XIV rinunciò spontaneamente alle immunità dell’ambasciata francese in Roma, la cui difesa a oltranza aveva portato poco prima all’interruzione delle relazioni diplomatiche, e procedette alla restituzione di Avignone e del Contado Venassino occupati al tempo della rottura con Innocenzo XI. Il nuovo Papa ,replicò al gesto conciliante di Luigi con l’elevazione alla porpora di un uomo di stretta fiducia del re, il vescovo di Beauvais, Forbin-Janson”.

Nel 1678 Ortoboni si era opposto tenacemente e con successo a un tentativo di Innocenzo XI di emanare una bolla contro il nepotismo,infatti il pontificato di Alessandro VIII vide una rigogliosa rinascita del nepotismo.

Ordinò importanti sgravi fiscali, liberalizzò il commercio dei grani, abolì la gabella della carne e quella del grano macinato in Roma, provvide alla salute dei cittadini e al decoro di Roma con alcune ordinanze sulla peste e sulla pulizia delle strade.

Nel 1690 condannò le dottrine del cosiddetto peccato filosofico, insegnato nelle scuole dei Gesuiti. Alessandro VIII morì il 1º febbraio 1691. La sua sontuosa tomba è ospitata Basilica vaticana.

Giovanni XXIII (28/10/1958-03/06/1963)

giovanni XXIII

giovanni XXIII

Angelo Giuseppe Roncali nacque a Sotto il Monte, in provincia di Bergamo, il 25 novembre 1881, figlio di Marianna Mazzola e di Giovanni Battista Roncalli. Termina nel luglio del 1900 il secondo anno di teologia,e fu inviato il gennaio successivo a Roma presso il seminario romano dell’Apollinare, dove esistevano alcune borse di studio . Il 13 luglio 1904, alla età di ventidue anni e mezzo, conseguì il dottorato in teologia. Lo studio della storia gli consentì l’elaborazione di alcuni studi di storia locale, tra cui la pubblicazione degli Atti della Visita Apostolica di s. Carlo a Bergamo (1575).Fu anche direttore del periodico diocesano “La Vita Diocesana” e dal 1910 assistente dell’Unione Donne Cattoliche.

Lo scoppio della guerra nel 1915 lo trova per come cappellano col grado di sergente nell’assistenza ai feriti ricoverati negli ospedali militari di Bergamo. Nel luglio del 1918 accettò di prestare servizio ai soldati affetti da tubercolosi, rischiando la vita per il pericolo di contagio.

Dopo l’ordinazione episcopale avvenuta a Roma il 19 marzo 1925, partì per la Bulgaria con il compito di provvedere ai bisogni della piccola comunità cattolica. Il 27 novembre 1934 fu nominato Delegato Apostolico in Turchia ed in Grecia, paesi senza relazioni diplomatiche con il Vaticano.

Inaspettatamente, per decisione personale di Pio XII, fu promosso alla prestigiosa Nunziatura di Parigi, dove giunse il 30 dicembre 1944. Le sue doti umane lo imposero alla stima dell’ambiente diplomatico e politico parigino, dove instaurò rapporti di cordiale amicizia con alcuni massimi esponenti del governo francese.

Accettò la proposta di trasferimento alla sede di Venezia ,dopo la morte del patriarca ,monsignor Agostini , il 5 marzo 1953.Inizio il progetto di riavvicinare i fedeli alla Sacra Scrittura, rifacendosi alla figura del proto-patriarca s. Lorenzo Giustiniani, solennemente commemorato nel corso del 1956.

Il 28 ottobre 1958, fu eletto uno dei più grandi papa della chiesa cattolica,il settantasettenne Cardinale Roncalli , successore di Pio XII ,con il nome di Papa Giovanni XXIII. Il più grande contributo alla Chiesa è rappresentato senza dubbio dal Concilio Vaticano II, il cui annuncio fu dato nella basilica di s. Paolo il 25 aprile 1959 :di riesporre la dottrina tradizionale in modo più adatto alla sensibilità moderna.Nella prospettiva di un aggiornamento riguardante tutta la vita della Chiesa, Giovanni XXIII invitava a privilegiare la misericordia e il dialogo con il mondo piuttosto che la condanna .

Nella primavera del 1963 fu insignito del Premio “Balzan” per la pace a testimonianza del suo impegno a favore della pace con la pubblicazione delle Encicliche Mater et Magistra (1961) e Pacem in terris (1963) e del suo decisivo intervento in occasione della grave crisi di Cuba nell’autunno del 1962. Nella sera del 3 giugno 1963 giunge la notizia della sua scomparsa.Santificato il 27 /04/2014.

Papa Giovani Paolo I (1978)

Giovanni-Paolo I

Giovanni-Paolo I

Albino Luciani,nato il 17 ottobre 1912 ,in un piccolo paese di montagna ,vicino a Belluna ;Forno di Canale (divenuto nel 1964 Canale d’Agordo).Figlio di Giovanni e Bortola Tancon Albino fu il primo papa di cui le origini operaie sono certe: durante l’infanzia egli lavorò insieme al padre come soffiatore del vetro a Murano.

Trascorre lunghi periodi lavorando in Francia, Germania,Svizzera ,per “la povertà di risorse della montagna Bellunese”. Nel 1932 entro nel Seminario minore di Feltre ,e nel luglio 1935 e ordinato Sacerdote.

Dopo il dottorato nel Università Gregoriana ,diviene vicedirettore del seminario di Belluno. Nominato vescovo di Vittorio Veneto,diviene nel 1969 patriarca di Venezia per desiderio della chiesa locale. Sotto il profilo teologico dimostra una posizione vicino al conservatorismo e intolleranza verso ogni eccesso di lusso,invitando  al ritorno alla povertà,e alla vendita delle ricchezze della chiesa in beneficio dei poveri.

Anche se in gioventù aveva orientamenti comuniste ,nel 1975 dichiara “il comunismo incompatibile con cristianesimo”. Fu il primo papa ad adottare il doppio nome, omaggio ai suoi due predecessori. Fu scelto papa come soluzione di compromesso tra opposti schieramenti (tra America e Russia),come sostengono alcuni perché era un papa docile,facilmente influenzabile ,con impegno e moralità. A 66 anni muore improvvisamente .  Erano passati appena 32 giorni della sua nomina .

 

 Visita il mio sito:  http://ginocosta.altervista.org/blog/reddito-extra/

The two columns of St. Mark’s Square

Ottieni i Percorsi

The two columns of St. Mark’s Square

the two columns-St Marco Square

the two columns-St Marco Square

The two columns of the Piazzetta San Marco, with the statues of St. Theodore and the lion of St. Mark, had to be originally three, but the third column was lost with the ship during the landing.
After have been discharged the two columns remain horizontal for over a century. Nobody find a way to raise them vertically.
Thanks to the ingenuity of Nikolaus Stratonio, a builder of Bergamo, the two columns find the right location.
Nicholas was already known as the creator of elevator counterweight, with which it was possible to build the bell tower of San Marco, and as a builder of the bridge “della Moneta” ,the first version of the Rialto Bridge, (the name of the old bridge of the Coin “della Moneta” derive from the old building in which were minted the coins of the Republic,situated at the eastern end of the bridge).

http://dipoco.altervista.org/venezia-camerlenghi-palace/

http://www.venice-tourism.com/en/Venice-Tourism/Sestiere-di-San-Polo/Camerlenghi-Palace.html

The method used was called “water on the ropes” ,and used the particularity of the strings of hemp that, when wet, increase in diameter and decrease in length.

With the basics of the columns fixed, he tied the peak with the ropes.The ropes ,passing along the column , were fixed then to the ground at a distant point .
Wet the ropes, these are shortened enough to raise a few inches the columns, and to put shims under it.

It is said that the Government of the Serenissima decided to reward Nicholas, giving him the only license for games of chance. He could manage a gambling den for the game of dice, until then strictly prohibited throughout the city.Montferrand raising column

But this concession has a clause .From that moment Stratonio Nicholas becomes Nicholas Barattiere ( Barattiere -the man who practice or keep a place of barratry).

http://dipoco.altervista.org/gambling-venice/

The place where they could exercise these games was , between the two columns of St.Mark’s Square, because in that place very often was erected the scaffold for executions .The two columns was shunned by the citizens,so the flow of customers was very low.
In the memory of the origin of the name on the family blazon,the Barattieri have three dice.

 

other items:http://dipoco.altervista.org/articles/

visit my website : http://ginocosta.altervista.org/you-can-do-it.html

On facebook : https://www.facebook.com/pages/Venezia/630678023668582?ref=profile